spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Congresso Pd, nasce il comitato per Bonaccini: coordinatrice la consigliera Paola Nocentini

    "Una figura che sa unire l’esperienza di successo come amministratore - dice Nocentini - e quella di militante appassionato che conosce a fondo la propria comunità politica"

    BAGNO A RIPOLI – Si è costituito a Bagno a Ripoli il comitato che sostiene la candidatura di Stefano Bonaccini a segretario nazionale del Pd, in occasione delle primarie nazionali che si terranno a fine febbraio.

    Ne fanno parte simpatizzanti, semplici iscritti e amministratori (oltre 25 le persone già coinvolte), ed è coordinato dalla consigliera comunale Paola Nocentini.

    Compito del comitato, sarà quello di “diffondere i contenuti della proposta politica del candidato e di promuovere iniziative pubbliche sul territorio in vista del congresso”.

    Il cui esito si deciderà con il voto degli iscritti, aperto dal 27 gennaio al 12 febbraio, e con le primarie aperte del 26 febbraio.

    “Questo comitato – spiega la coordinatrice Nocentini – sarà uno spazio aperto e inclusivo, che non vuole essere autorefernziale ma aperto al contributo di tutti”.

    “Riteniamo che Stefano Bonaccini – rimarca – abbia il profilo più adatto per guidare il Pd e soprattutto per rinnovarne e rilanciarne l’azione”.

    “Una figura che sa unire l’esperienza di successo come amministratore – aggiunge Nocentini – e quella di militante appassionato che conosce a fondo la propria comunità politica”.

    “Il tutto – conclude – con una visione pienamente riformista, che mette al centro i temi del lavoro, dell’ambiente, del futuro delle giovani generazioni”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...