spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’accusa da parte di Confesercenti: “Il Comune non tutela gli ambulanti”

    "Non si è uniformato alle direttive regionali, andando a penalizzare gli operatori uscenti"

    BAGNO A RIPOLI – E' tensione fra Confesercenti e Comune di Bagno a Ripoli: tutto parte dai bandi per l’assegnazione dei posteggi in scadenza nei mercati e nei posteggi isolati, come previsto dalla legge 59/2010 (di recepimento della cosidetta Direttiva Bolkestein).

     

    "A questo proposito – dicono da Confesercenti – ci preme fare qualche considerazione in merito a ciò, esprimendo anche la nostra contrarietà alla modalità con cui il Comune ha agito. Infatti rispetto alle procedure per il rilascio delle nuove concessioni, è in fase di svolgimento presso il Ministero dello sviluppo economico un tavolo di confronto con le amministrazioni pubbliche coinvolte (Regioni e ANCI) per esaminare le criticità attuative dell’Intesa Stato-Regioni-Enti Locali del 2012 per consentire l’ordinato e utile espletamento uniforme in tutta Italia dei bandi pubblici per il rilascio e il rinnovo delle concessioni stesse".

     

    "A questo proposito – rimarcano – crediamo sarebbe stato opportuno anche per il Comune di Bagno a Ripoli, come hanno fatto anche altre amministrazioni pubbliche, aspettare l’esito di tale tavolo di confronto prima di emanare i bandi".

     

    "Vogliamo manifestare – accusa Confesercenti – la nostra netta contrarietà ai criteri adottati dal Comune di Bagno a Ripoli per l’assegnazione delle concessioni, come già abbiamo detto in sede di concertazione: infatti il Comune non si è uniformato alle indicazioni date dalla Regione Toscana nello stabilire i criteri, non tutelando di fatto gli operatori uscenti".

     

    "Inoltre – rimarcano ancora – a nostro avviso, dando la possibilità a chi non è nemmeno un’impresa di partecipare al bando il Comune va contro la legge regionale, ed è passibile di eventuali ricorsi".

     

    "In ultimo – concludono – ma non meno importante, ci sembra che il Comune di Bagno a Ripoli utilizzi questa occasione per fare cassa, prevedendo 60 euro a domanda di diritti di istruttoria, oltre alla marca da bollo per ogni domanda: praticamente un’altra tassa".

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...