spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Ponte a Ema iniziativa speciale il 26 settembre. Il 27 e 28 apertura fino alle 22

    PONTE A EMA (BAGNO A RIPOLI) – L'Associazione Amici del Museo Gino Bartali di Ponte a Ema, appresa stamani, direttamente dal figlio Luigi, la notizia del conferimento a Gino Bartali dell'ambìto riconoscimento di "Giusto fra le Nazioni" promuove per giovedì prossimo 26 settembre, alle 10.30 (presso lo stesso Museo) una iniziativa per festeggiare e divulgare a soci, simpatizzanti e concittadini la grande notizia.

     

    Per tutti, per chi ha già avuto modo di vederlo e soprattutto per coloro che ancora non hanno visitato il Museo, sarà un occasione per ri-ammirare i preziosi cimeli esposti.

     

    Luigi Bartali, insieme al presidente dell'Associazione, Andrea Bresci, ricordano che, oltre che per questa occasione il Museo del Ciclismo rimane aperto, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19 tutti i giorni della settimana dello svolgimento dei Mondiali. Venerdì 27 e sabato 28 settembre il Museo resterà aperto ininterrottamente fino alle 22.

     

    Per quanto riguarda il territorio ripolese, nei giorni scorsi Il Gazzettino del Chianti ha dato conto della statua dedicata a Bartali realizzata dall'artista grassinese Silvano Porcinai (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "Un riconoscimento che premia il coraggio civile di uno dei più grandi uomini di sport della storia italiana. Un riconoscimento di cui la Toscana dev'essere orgogliosa, ma che fa bene a tutto lo sport, in tempi in cui è più facile che lo sport sia collegato ai cori razzisti degli stadi".

     

    Così il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi saluta la decisione dello Yad Vashem , il sacrario della Memoria di Gerusalemme, di proclamare Gino Bartali, il grande campione di ciclismo, "Giusto tra le Nazioni", per il suo impegno a favore degli ebrei perseguitati sotto l'occupazione nazista.

    "Sono storie – sottolinea il presidente – come quella di Gino Bartali che ci aiutano a tenere viva la memoria e a trasmetterla alle nuove generazioni, insegnando loro i valori della solidarietà e dell'impegno".

     

    "Allo stesso tempo – conclude Rossi – Bartali ci insegna che per essere davvero campioni nello sport bisogna essere anche campioni nella vita. E come toscano, mi sembra particolarmente bello che questa notizia arrivi proprio nei giorni in cui la Toscana ospita i Campionati mondiali di ciclismo, che ora si arricchiscono anche di un altro significato".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...