spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Re Magi sul sagrato della chiesa: “Diamo i meriti a chi è giusto li abbia”

    Alessio Antongiovanni, presidente dell'Acli: "Tralasciato il grandissimo lavoro di tante persone del circolo"

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – "Dopo la bella giornata trascorsa dell’Epifania con la rappresentazione dei Re Magi davanti alla chiesa di San Michele Arcangelo, mi sento di volere e dover ringraziare tante persone. Diversamente da quanto è stato fatto".

     

    Inizia così la presa di posizione di Alessio Antongiovanni, presidente del circolo Acli di Grassina, al quale non è piaciuto come si è comportato… qualcuno post evento.

     

    # ARTICOLO / E i Re Magi arrivarono sul sagrato della chiesa di San Michele Arcangelo

     

    "Mi è capitato di leggere che è stato dato grande merito al CAT – prosegue Antongiovanni – con cui abbiamo avuto una preziosa collaborazione, tralasciando però il fondamentale  lavoro che tante persone volontarie del circolo Acli hanno affrontato nell’ombra affinché tutto funzionasse".

     

    "Innanzitutto – spiega – l’idea nata dalla parrocchia che poi tramite don James (assente sfortunatamente per motivi familiari) mi è stata affidata in qualità in questo caso di catechista, chiedendomi di scriverne il copione inserendo la figura di Erode; poi il lavoro di ricerca dei  figuranti trovati tra i giovani catechisti che voglio ringraziare nominandoli tutti, Matteo Ruggeri, Elisa Merciai, Letizia Sanapo e Giacomo Selvi".

     

    "L’organizzazione del coro – prosegue – che ha visto oltre ai coristi Roberto Bonciani alle prese per tutto il pomeriggio con l’impianto ed i microfoni, Patrizia Bigazzi che si è occupata dei costumi e per finire i bambini che nonostante il freddo hanno partecipato".

     

    "Ritengo – conclude Antongiovanni – che tutte queste persone (e forse anche qualcuno che posso aver dimenticato) meritino di essere ringraziate apertamente, anche per la continua  disponibilità nelle attività del circolo, valorizzandone  il lavoro che nelle retrovie hanno svolto. Visto anche il sacrificio per le basse temperature: un lavoro senza il quale sicuramente la rappresentazione non sarebbe riuscita così bene".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...