spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giovani e dipendenze, la prevenzione in un incontro: il 27 settembre in palazzo comunale a Bagno a Ripoli

    Confronto aperto a tutti con psicologi e professionisti in materia di disagio giovanile, in collaborazione con l'associazione Villa Lorenzi

    BAGNO A RIPOLI – Come prevenire le dipendenze e l’abuso di sostanze stupefacenti da parte dei giovani.

    È il tema dell’incontro in programma martedì 27 settembre alle 17 in palazzo comunale a Bagno a Ripoli (sala consiliare “Falcone e Borsellino”, piazza della Vittoria 1).

    Un nuovo appuntamento con il progetto “Scuole sicure”, finanziato dal ministero dell’Interno per promuovere sul territorio attività di monitoraggio e prevenzione in materia di disagio giovanile e dipendenze.

    L’incontro, che fa seguito ad una serie di iniziative già svoltesi in primavera, è aperto a tutti.

    Studenti e famiglie, personale docente ed educatori, e più in generale a tutti i cittadini desiderosi di approfondire il tema a contatto con esperti del settore.

    Sarà presente infatti il dottor Giovanni Tavanti, tossicologo dell’AUSL Toscana Centro. Partecipano inoltre Francesca Zatteri, pedagogista clinico, e Andrea Nardi, psicologo. 

    Gli incontri, organizzati dal Centro di Documentazione Educativa del Comune, si svolgono in collaborazione con l’associazione fiorentina “Villa Lorenzi”, che da trent’anni è attiva nei servizi educativi per la prevenzione e la riabilitazione del disagio giovanile e delle dipendenze.

    Per informazioni: 0556390455 – 0556390456 – cde@comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...