spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Balli, musica, il primo torneo di fagiolata… . Negozi aperti e una serata davvero da vivere fino in fondo

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Dopo il clamoroso successo della prima Notte Bianca dello scorso 1 luglio (clicca qui per vedere la fotogallery), Grassina si appresta a vivere la seconda serata organizzata organizzata dal CCN "Grassina e le sue Botteghe" in collaborazione con la Confesercenti e con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli.

     

    Il centro del paese chiuso per una sera, la gente che si "riappropria" delle strade, delle piazze, libera di passeggiare e camminare in libertà.

     

    La seconda Notte Bianca, quella di mercoledì 8 luglio, avrà come tema “A tutto Country”. In piazza Umberto I balleranno e faranno ballare le cowgirls della scuola di ballo “4 jumps country line dance”. Sempre in tema cowboy, il "Toro Meccanico" e "Mungi la mucca".

     

    In via Costa al Rosso, la musica dal vivo dei Cash Fish, fra l’energia del country acustico e la poesia del folk che vi porterà… in una stalla del Tennessee.

     

    In via Chiantigiana (zona ponte della chiesa): musica dal vivo  con il gruppo John Frog & the Country Dolls, una band che è l’essenza selvaggia del vecchio spirito americano country.

     

    In piazzetta Borgo Sani, Band Country con balli e veri cow boy e il primo "Torneo di fagiolata" (iscrizione a 2 euro da “Edicolandia”, “Di tutto un po’”, “Libri e Giornali” entro e non oltre il 7 luglio).

     

    Inoltre ci sarà un raduno organizzato da Moto Abbigliamento, il gioco del braccio di ferro, la cocomerata e lo “Sbaracco” di tutti i negozi.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua