spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 18 Ottobre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’appello da Antella a Firenze: “Aiutiamo il piccolo Francesco affetto dalla sindrome di Crouzon”

    Domani in Città Metropolitana in conferenza stampa l'appello dei genitori e la raccolta fondi promossa dalla Misericordia di Antella

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Il piccolo Francesco da fine mese a novembre prossimo dovrà sottoporsi a ben tre delicate operazioni in un centro specializzato di Parigi, dove dovrà trattenersi per tre mesi insieme alla famiglia.

    Ha 4 anni, vive all’Antella, ed è affetto dalla sindrome di Crouzon, una rarissima malattia che deforma il cranio fin dalla nascita.

    Per aiutarlo nel lungo percorso di cura è stata allestita anche una raccolta fondi, promossa dalla Misericordia di Antella, che vedrà anche una cena al Crc antellese.

    Ma non basta: e allora ecco che si sta cercando di far “sbarcare” questa storia anche a Firenze.

    Lo si farà martedì 14 settembre, alle ore 11, nella Sala Pistelli di Palazzo Medici Riccardi, con il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, l’assessora comunale Eleonora Francois e il governatore della Misericordia antellese Paolo Nencioni.

    L’appello sarà al centro di una conferenza stampa alla quale saranno presenti anche Leonardo e Patrizia, genitori di Francesco.

    Sulla serietà della raccolta fondi, che serve a sostenre le spese (decine di migliaia di euro) a corredo degli interventi che il bambino dovrà fare in Francia, c’è la garanzia del coinvolgimento dell’amministrazione comunale e della Misericordia.

    Domani potremo darvi anche tutti i dettagli per, se volete, contribuire.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...