martedì 24 Novembre 2020
Altre aree

    Muore un 38enne in moto lungo via di Rosano: ancora un incidente mortale sulla SP34

    Sembra che non ci siano coinvolti altri mezzi. A polizia locale e sanitari del 118 accorsi sul luogo dell'incidente non è rimasto altro da fare che constatare il decesso sul posto

    BAGNO A RIPOLI – Ancora un incidente stradale. E stavolta, purtroppo, come capitato in altre occasioni sulla Strada Provinciale 34, la via di Rosano che unisce Bagno a Ripoli con Pontassieve, è un incidente mortale.

    E’ avvenuto attorno alle 14.30 di oggi, sabato 27 giugno: quando un motociclista di 38 anni, residente a Firenze, pare che abbia perso il controllo del proprio mezzo.

    L’incidente è avvenuto pochi metri dopo la rotonda nel Pian di Ripoli, in direzione Firenze.

    Il motociclista era in gruppo, che si era un po’ sfaldato, e in quel momento procedeva con davanti un solo compagno. Che avrebbe visto parte della dinamica nello specchietto retrovisore.

    Tutto è avvenuto senza che ci fossero altri veicoli coinvolti (gli accertamenti sono ancora in corso da parte della polizia locale di Bagno a Ripoli, è già intervenuto anche il magistrato di turno) la moto con a bordo il 38enne è finita fuori strada.

    Il 38enne stava percorrendo l’SP 34 in direzione Firenze. L’impatto è stato fatale: a niente è valso l’intervento dei sanitari inviati sul posto dal 118 (un mezzo della Misericordia di Badia a Ripoli).

    Che non hanno potuto far altro se non constatarne il decesso sul posto. E intraprendere il sempre straziante percorso della notifica ai familiari.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...