spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Passerella Compiobbi-Vallina, consegnati i lavori: 420 giorni per realizzarla

    Dario Nardella: "Grande lavoro della Metrocittà". Il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini: "Momento che aspettavamo dal 2016"

    BAGNO A RIPOLI – La Città Metropolitana di Firenze ha consegnato oggi, mercoledì 15 giugno, i lavori per la nuova passerella pedociclabile fra Compiobbi (Fiesole) e Vallina (Bagno a Ripoli).

    Appaltata dalla Città Metropolitana di Firenze e progettata da un Rtp-Raggruppamento temporaneo di professionisti (Politecnica, Studio Ing Claudio consorti e Studio Ing. Prof. Raffaello Bartelletti) si inserisce nell’ambito del “Sistema Integrato Ciclopista dell’Arno” e si presenta quindi utile sia al collegamento tra i percorsi ciclo-pedonali esistenti e previsti lungo il fiume Arno, che al collegamento fra i centri abitati del territorio comunale di Fiesole, in riva destra, ed i centri abitati ed artigianali di Bagno a Ripoli in riva sinistra.

    La passerella ciclopedonale permette inoltre, agli utenti posti in riva sinistra del fiume Arno, l’accesso alla stazione ferroviaria ed alle fermate del trasporto pubblico locale su gomma ubicate nella località di Compiobbi, favorendo così un maggior utilizzo delle reti di trasporto pubblico.

    “E’ un’ottima notizia – commenta il sindaco della Città Metropolitana Dario Nardella – Le diverse anime e località del territorio metropolitano diventano più vicine grazie al grande lavoro e agli investimenti condotti dalla Metrocittà sulla mobilità e le infrastrutture, che sono uno dei pilastri fondamentali della nostra azione di governo. E’ un’opera attesa la passerella Compiobbi-Vallina e adesso ci siamo. Questa come altre opere progettate e portate a termine fanno crescere l’orgoglio di appartenenza a una comunità civica anche ben collegata”.

    “È un momento importantissimo che attendevamo dal 2016 – afferma Francesco Casini, Sindaco di Bagno a Ripoli e consigliere delegato della Metrocittà alla mobilità – Quando grazie al “bando periferie” del Governo e al lavoro congiunto tra i Comuni di Bagno a Ripoli e Fiesole e la Città Metropolitana, siamo riusciti a reperire le risorse per questo strategico progetto di mobilità sostenibile”.

    “Con la passerella – specifica -gli abitati e le aree artigianali di Vallina e Compiobbi saranno finalmente collegati, e il territorio ripolese sarà finalmente connesso con il sistema ferroviario di superficie grazie al collegamento con la stazione di Compiobbi. Presto, con la realizzazione della pista pedo-cicabile tra Firenze e Rosano, aggiungeremo a questo progetto un nuovo tassello, un ulteriore valore aggiunto per la mobilità sostenibile a livello metropolitano”.

    “Quello di oggi – dichiara il sindaco di Fiesole Anna Ravoni – è un giorno che aspettavamo tutti con trepidazione e su cui le amministrazioni di Fiesole e di Bagno a Ripoli in condivisione con la Città Metropolitana, che è anche capofila del progetto, si sono molto impegnate fin dall’inizio con determinazione e senso di responsabilità”.

    “Vorrei anche ricordare – specifica – le due associazioni che per prime hanno voluto la realizzazione di questo collegamento presentandoci addirittura un progetto preliminare, ovvero la Pro Loco Valle dell’Arno di Fiesole e l’associazione Natura e Vita Onlus di Bagno a Ripoli. Sono certa che la realizzazione di questa passerella ciclo-pedonale sarà molto apprezzata e utilizzata dagli abitanti di Compiobbi per la possibilità di avere un collegamento con l’altra sponda, dove è presente un’ampia zona industriale e artigianale, incrementando così la mobilità sostenibile per raggiungere quell’area senza utilizzo di auto o altri mezzi”.

    “Sarà inoltre importante – conclude Ravoni – per chi lavora nelle varie aziende di Vallina per raggiungere Compiobbi, dove sono presenti diversi negozi e servizi, fra cui la banca e la posta e soprattutto la stazione ferroviaria per un collegamento diretto con Firenze. Un avvicinamento, inoltre. fra due comunità molto simili oggi divise dal fiume Arno su cui entrambe si affacciano, fiume che diventerà così un segno di unione e non di divisione”.

    L’Rti-Raggruppamento temporaneo di imprese affidatario dei lavori per un importo di 1.742.680,87, oltre Iva, è composto dalle tre imprese Appalti e Costruzioni srl (Mandataria), Pignataro Costruzioni Generali srl (mandante) ed EdilRoad srl (mandante), mentre la Direzione Lavori è stata affidata ad un RTP composto da DiGirolamo Engineering e Arch. Elio Conte.
    La durata contrattuale dei lavori è di 420 giorni dalla data di consegna.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...