spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “A piccoli passi”, il libro sui minori non accompagnati di Lucia De Marchi

    Uno degli elementi più delicati dei fenomeni migratori. Presentazione in biblioteca il 14 marzo

    BAGNO A RIPOLI – Mercoledì 14 marzo, dalle 17, presso lo SpazioPiù della Biblioteca comunale presentazione del libro di Lucia De Marchi "A piccoli passi. Minori non accompagnati e cittadinanza attiva".

     

    Alla serata sarà presente l'autrice. Interventi di Ilaria Belli, assessora alle politiche sociali e vicesindaca del Comune di Bagno a Ripoli, Annalisa Massari, assessora alla scuola, cultura e biblioteca e Francesco Lazzeri, educatore professionale della Coop. Gli Argini.

     

    Nell'occasione sarà possibile visitare "Orizzonti di futuro", esposizione degli elaborati frutto dei laboratori di cittadinanza attiva per minori stranieri non accompagnati realizzati da Lucia De Marchi.

     

    “Con grande interesse ospitiamo l’iniziativa che si compone di un testo particolareggiato e aggiornato e di un percorso educativo per riflettere sul drammatico fenomeno dei minori non accompagnati" dicono Belli e Massari.

     

    "Ognuno di noi – concludono – nelle istituzioni e nella società civile deve farsene carico, a maggior ragione perché si tratta di persone indifese, minori, bambini. Si offre alla cittadinanza e particolarmente al mondo della scuola la possibilità di partecipare a un’occasione di consapevolezza e approfondimento su uno degli eventi che caratterizzano i fenomeni migratori dei nostri tempi”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...