spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pasta e carni speciali per il primo dei “Giovedì de Le Tre Rane”: il menù

    Il 6 febbraio alla locanda, i grani della Tenuta Monte Sante Marie incontrano le carni de La Valle del Sasso

    POGGIO CASCIANO (BAGNO A RIPOLI) – Ci siamo! Giovedì 6 febbraio si vivrà il primo dei "Giovedì de Le Tre Rane", una serie di eventi che fino al termine di marzo caratterizzeranno la locanda Le Tre Rane – Ruffino, nella splendida Tenuta di Poggio Casciano, sulle colline che da Grassina salgono verso il Chianti.

     

    # I giovedì a "Le Tre Rane-Ruffino": insieme, nel bello e nel buono

     

    Il tema della prima serata: i grani della Tenuta Monte Sante Marie incontrano le carni della Valle del Sasso: una serata con i vini Ruffino alla scoperta di due eccellenze locali presenti in locanda.

     

    Questo il menu (con i vini in abbinamento). Benvenuto: piccolo cibreo – La Solatia, Toscana Igt 2018.

     

    Antipasto: panino di farina di tipo 2 con noci e “sassolina”, tarticcia della valle del sasso, fegato di manzo 2.0; Panzerotto semi integrale con broccoli e salsiccia – Riserva Ducale, Chianti Classico Riserva Docg 2016.

     

    Primo: pappardelle della Tenuta Monte Sante Marie al ragù di anatra – Modus, Toscana Igt 2017.

     

    Secondo: spezzato della Valle del Sasso con contorno di stagione – Modus, Toscana Igt 2017.

     

    Dolce: tortino di frolla ai pinoli con crema all’arancia e grappa di Riserva Ducale Oro – Serelle, Vin Santo del Chianti Doc 2015.

     

    Menu completo 40 euro a persona, si inizia dalle 20. Per informazioni e prenotazioni: telefono 3783050220 – mail letrerane@ruffino.it.

     

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...