spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 28 febbraio raccolta fondi al Crc di Antella con una proiezione inedita su Pontormo

    Ancora uno straordinario evento organizzato per salvare la Cappellina di Baroncelli di Bagno a Ripoli. Un film sul Pontormo, dal titolo "Pontormo, un amore eretico", verrà proiettato giovedì 28 febbraio alle 21, nella sala cinema del C.R.C. Antella: il ricavato verrà impiegato per il restauro dell’affresco che si conserva all’interno della Cappellina, che versa in condizioni preoccupanti e per salvare il quale, da anni, il Comitato per la Cappellina di Baroncelli lavora alacremente.

     

    La piccola Cappella, posta al bivio tra via di Baroncelli e via dei Colli a Bagno a Ripoli, nei pressi dell’omonima chiesa, dedicata a San Bartolomeo, di fianco al piccolo cimitero, un tempo di proprietà privata, è passata di recente di proprietà alla Chiesa di Santa Maria a Quarto. Grazie a un costante e deciso interessamento da parte del Comitato dal 2007 (anno in cui si è costituito), a oggi sono stati fatti piccoli ma importantissimi passi in avanti per la tutela di questo monumento, a cui tutti i ripolesi sono ormai legati. Il bene è stato vincolato e messo in sicurezza, e dopo che è stato approvato un progetto di restauro, adesso è in attesa di un imminente intervento.

     

    "Abbiamo il compito non facile – ci spiega Giuliana Righi, storico dell’arte e membro del Comitato, da sempre attenta alle emergenze del nostro territorio – di reperire i fondi e di sensibilizzare sulla necessità urgente di trovare sponsor per poter intervenire al più presto, sia sulla parte architettonica che sull’affresco interno, che risale alla seconda metà del XV. Tale affresco, che rappresenta una Crocifissione, ha veramente urgenza di un restauro definitivo. Adesso è necessario intervenire prima che sia davvero troppo tardi".

     

    "Per questo – dice – chiediamo a chi è sensibile a che non si perda per sempre l’importante patrimonio del nostro territorio, a prendere parte alla serata organizzata per il 28 febbraio all’Antella. Inoltre tengo molto a ringraziare il Comune di Bagno a Ripoli, Il Circolo Ricreativo Culturale Antella, gli Amici dei Musei fiorentini-Comitato per la tutela dei tabernacoli ed il dottor Carlo U. Quinterio, che si sono resi disponibili ad ascoltare le nostre richieste. Introdurranno la speciale serata Pina Ragionieri, direttrice di Casa Buonarroti e Carlo U. Quinterio, regista e produttore".

     

    Il film sul Pontormo, per la regia Giovanni Fago, con Joe Mantegna, Galatea Ranzi, Alberto Bognanni, Sandro Lombardi, Massimo Wertmuller, e prodotto da Carlo U. Quinterio e Angelo Bassi, risale al 2004, e ripercorre gli ultimi giorni del grande maestro Pontormo, Jacopo Carucci nato nel 1494 a Pontorme, vicino a Empoli.

     

    E’ il periodo in cui è impegnato, per i Medici, nella colossale impresa della decorazione dell'abside della chiesa di San Lorenzo. Il lungometraggio procede prendendo spunto dai famosi diari del maestro, e narra la sua vita complessa e straordinaria, alla corte dei Signori dell'epoca, cercando di esprimere il suo modo di essere, tormentato ed insoddisfatto, geniale e coraggioso, ma altrettanto incline a cadere in crisi angosciose, essere schivo e  alieno a concessioni, se non a sé stesso.

     

    "All'interno del piccolo vano della cappellina – chiude dicendo Giuliana Righi – nella nicchia ricavata sopra la mensa d'altare, ha sede appunto l’affresco riconosciuto come assai pregevole.  Nonostante le ridipinture e due crepe profonde che tagliano la pittura longitudinalmente, la composizione è assai imponente, e mostra i segni di una ottima fattura, con il Cristo in croce, fiancheggiato da due angeli in volo e ai piedi la Maddalena dolente che abbraccia la croce. Situato in una delle strade più suggestive di Bagno a Ripoli, meta di frequenti passeggiate da parte dei cittadini, il piccolo oratorio, se restituito al godimento della comunità, testimonierebbe il successo del senso di civiltà e di doveroso decoro  sull'incuria, il degrado e la negligenza che finora si sono accaniti su questo bene".

     

    Info: Giuliana Righi  333 1744452; C.R.C. Antella 055 621207; E. Renzoni Campeggi 055 630398.

    di Cecilia Barbieri

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...