spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Via di Poggio secco: da mercoledì 21 giugno la strada riapre al traffico

    Chiuso il cantiere per ripristinare la frana. Torna percorribile la viabilità dei pendolari del Chianti

    BAGNO A RIPOLI – Riapre mercoledì 21 giugno via di Poggio secco, da tempo interdetta al traffico a causa di una frana che ne aveva provocato il cedimento.

     

    "I cantieri – dicono dal Comune –  si sono chiusi a tempo di record: dal loro avvio, alla metà del mese di marzo, sono passati poco più di novanta giorni, come promesso".

     

    In questo modo, torna a essere funzionale e sicura un'arteria di viabilità secondaria che risulta però strategica per i moltissimi pendolari che ogni giorno la percorrono in automobile tra il Chianti e la città di Firenze, consentendo di bypassare un centro abitato come quello di Grassina già molto interessato dal traffico veicolare.

     

    LA STRADA – A lavori ultimati

     

    “Abbiamo mantenuto l'impegno preso per rimettere in sesto questa strada che ormai da mesi era compromessa – dicono il sindaco Francesco Casini e l'assessore ai lavori pubblici Enrico Minelli –  È stato un intervento importante, per il quale sono state stanziate risorse per 130 mila euro riconducibili al capitolo della sicurezza stradale. Solo una delle molte opere di manutenzione straordinaria che questa amministrazione ha portato avanti, insieme, ad esempio, al ripristino delle frane di via di Belmonte e via di Villamagna”.

     

    I lavori di ripristino di via di Poggio secco, realizzati dai tecnici dell'Area lavori pubblici del Comune, hanno comportato il consolidamento, la ricostruzione della parte a muro di sostegno della strada e la riasfaltatura.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...