spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ecco come si pensa di risistemare quello di San Bartolomeo a Quarate

    BAGNO A RIPOLI – Sconti e cappelle in vendita per sistemare il cimitero di San Bartolomeo a Quarate: se n'è parlarto lunedì scorso in un incontro di presentazione del progetto di recupero e risanamento.

     

    “L'incontro di Quarate – dicono il sindaco Luciano Bartolini e l'assessore ai lavori pubblici Francesco Casini – si inserisce in un programma di interventi in programmazione su diversi cimiteri comunali che hanno bisogno di restauri e manutenzione, come San Giusto, Villamagna e Osteria Nuova, oltre appunto a Quarate".

     

    "Su Quarate – annunciano – investiremo circa 15mila euro dal bilancio comunale per ripristinare il muro caduto, poi ripeteremo in sostanza l'operazione attuata con il cimitero di San Martino: il regolamento comunale sui cimiteri e la sensibilità delle persone sono cambiati, è possibile liberare le tombe più antiche, risalendo alle famiglie perché acquistino gli ossarini con uno sconto del 40% previsto dallo stesso regolamento; per gli ossarini costruiremo uno spazio apposito".

     

    "Ci auguriamo – spiegano – che ci sia la disponibilità dei parenti e che questo ci dia le risorse per risistemare il cimitero. Inoltre, al termine dell'incontro, si è costituito un piccolo gruppo di volontari per i più piccoli interventi di manutenzione, una disponibilità molto apprezzata".

     

    "Infine – concludono – esiste una cappella che prima serviva come ambiente di passaggio e che potrebbe diventare una cappella familiare: sarà messa in vendita attraverso un bando, con la speranza che si possano così reperire ulteriori risorse”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...