mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    Sanità, nasce ufficialmente la Società della Salute Fiorentina Sud Est: dentro tutti i “nostri” comuni

    Tra i compiti della SdS la programmazione, la gestione diretta e l’organizzazione condivisa di tutti i sevizi sociali e di alcuni importanti servizi sanitari. Presidente il sindaco di Bagno a Ripoli, Casini

    BAGNO A RIPOLI – Nasce ufficialmente la Società della Salute Fiorentina Sud Est.

    L’insediamento si è svolto stamani nella sala consiliare “Falcone e Borsellino” del Comune di Bagno a Ripoli. Presenti, i rappresentanti di tutti i 14 Comuni che faranno parte della SdS (oltre a Bagno a Ripoli, Barberino Tavarnelle, Fiesole, Figline Incisa Valdarno, Greve in Chianti, Impruneta, Londa, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rignano sull’Arno, Rufina, San Casciano, San Godenzo) insieme al direttore generale dell’Azienda Sanitaria Usl Toscana Centro, Paolo Morello Marchese.

    Il nuovo soggetto è nato dalla volontà della Conferenza dei Sindaci e dei consigli comunali della Zona Fiorentina Sud Est che hanno deciso all’unanimità di ricostituirsi in Società della Salute.

    Alla SdS, che di fatto è un consorzio tra Comuni, spetteranno la programmazione, la gestione diretta e l’organizzazione condivisa di tutti i sevizi sociali e di alcuni importanti servizi sanitari: alle attività gestite finora dalla Zona, che rientreranno direttamente nelle competenze della Sds, progressivamente potranno aggiungersene altre.

    La Società della Salute avrà una sua struttura organizzativa, ed è tuttavia utile ricordare che sarà a costo zero per i cittadini.

    Né il presidente, né i componenti della giunta esecutiva, né i membri dell’assemblea dei soci godranno di indennità o rimborsi spese, dal momento che svolgeranno tali ruoli nell’ambito dell’esercizio dei rispettivi mandati.

    Presidente della nuova Società della Salute sarà il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini (già presidente della Conferenza di Zona): la sua elezione da parte dell’assemblea dei soci, in occasione della prima seduta, si è svolta all’unanimità.

    La giunta della Sds sarà composta da sei membri: oltre al presidente e alla delegata del direttore generale dell’Ausl dottoressa Rossella Boldrini che ne fanno parte di diritto, sono stati nominati la sindaca di Pontassieve Monica Marini, la sindaca di Figline Incisa Valdarno Giulia Mugnai, la sindaca Fiesole Anna Ravoni e il sindaco di Greve in Chianti Paolo Sottani.

    La seduta inaugurale della nuova Società della Salute ha inoltre avviato le procedure per l’individuazione del nuovo direttore.

    “La nuova Società della Salute – dichiara il neo presidente, Francesco Casini – dovrà affrontare fin da subito delle grandi sfide. In un momento difficilissimo, segnato dall’emergenza sanitaria, avrà un ruolo chiave per potenziare la sanità territoriale, per progettare e ottenere servizi sempre più tagliati sulle esigenze dei cittadini”.

    “A partire da una grande coesione tra Comuni – aggiunge – che trova nella SdS un’ulteriore testimonianza. La nascita di questa nuova struttura avviene infatti grazie a un percorso e a un lavoro di squadra che per mesi ha impegnato sindaci e amministratori per una nuova gestione diretta in forma di consorzio del sistema sanitario del territorio a sud-est di Firenze”.

    “Lo scopo finale di questo lavoro – conclude Casini – sono le nostre comunità, a cui oggi più che mai occorrono risposte immediate ed efficienti nel campo dei servizi socio-sanitari. Voglio ringraziare l’assemblea dei soci e i sindaci che hanno rinnovato la fiducia verso di me affidandomi la presidenza della nuova Sds e rivolgo a tutti noi un augurio di buon lavoro, un lavoro che sarà sempre condiviso e di squadra”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...