spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sicurezza urbana, a Bagno a Ripoli contro i topi d’appartamento torna “Vacanze tranquille”

    Il progetto, promosso dal Comune in collaborazione con la polizia municipale, in vigore dal 16 luglio al 4 settembre

    BAGNO A RIPOLI – Per prevenire i furti nelle case lasciate vuote da chi parte per il mare o la montagna, torna “Vacanze tranquille”.

    Il progetto di sicurezza urbana promosso dal Comune di Bagno a Ripoli in collaborazione con la Polizia municipale sarà in vigore dal 16 luglio al 4 settembre. 

    Le modalità di accesso al servizio, completamente gratuito, sono le stesse delle scorse edizioni.

    I cittadini, almeno 48 ore prima di andare in ferie, possono avvisare gli agenti della municipale.

    Le segnalazioni contribuiranno a creare una mappatura delle case vuote sul territorio, bersagli potenzialmente più appetibili per i topi d’appartamento.

    Nei pressi di queste abitazioni, rimanendo all’esterno e su area pubblica, la polizia locale potenzierà i monitoraggi intensificando i passaggi delle pattuglie in borghese. 

    “Il rischio zero non esiste – commenta il sindaco Francesco Casini – ma con questo progetto diamo uno strumento di prevenzione in più ai cittadini che partono per le vacanze. Negli anni diverse decine di famiglie hanno aderito all’iniziativa”.

    “A fronte di una richiesta che si rinnova – aggiunge – insieme al comandante Filippo Fusi, abbiamo deciso di replicarla”.

    Il servizio è totalmente gratuito. Potranno aderire i cittadini che staranno lontani da casa per almeno una settimana.

    Per aderire è necessario inviare comunicazione alla polizia municipale con almeno 48 ore di anticipo al numero 055631111 tasto 1.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...