spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ospedale Ponte a Niccheri: utilizzato taser su paziente psichiatrico

    Aveva dato in escandescenze: la soddisfazione del ministro dell'interno Matteo Salvini

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Utilizzata pistola taser nei confronti di un soggetto con problemi psichiatrici all'interno del reparto di psichiatria dell'ospedale Santa Maria Annunziata.

     

    Verso le 12 di oggi, domenica 12 maggio, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze sono intervenuti presso l'ospedale Santa Maria Annunziata di Bagno a Ripoli, poiché era stato segnalato un soggetto in forte stato di agitazione.

     

    L'uomo, classe '77, con problemi psichici, già noto alle forze dell'ordine, e destinatario di un provvedimento restrittivo in struttura REMS, alla vista dei militari operanti li aggrediva e solo l'utilizzo della pistola Taser, il cui dardo colpiva l'uomo, riusciva a fermarlo consentendo agli operatori sanitari di sedarlo.

     

    Questo è il terzo intervento nei confronti dello stesso che i Carabinieri hanno effettuato negli ultimi due giorni sempre presso l'ospedale Santa Maria Annunziata. Attualmente lo stesso è sedato presso il reparto psichiatria.

     

    Soddisfazione è stata espressa da parte del ministro dell’interno Matteo Salvini: "Ennesimo episodio risolto positivamente grazie alla pistola elettrica – scrive sulla sua pagina Facebook – che si dimostra uno strumento prezioso per le forze dell’ordine. La sua sperimentazione è quasi finita, da questa estate sarà finalmente consegnata alle nostre donne e ai nostri uomini in divisa. Dalle parole ai fatti!".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...