spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tre anni di mandato: oltre trecento in piazza col sindaco Casini e la giunta di Bagno a Ripoli

    Giovedì sera in piazza Umberto I a Grassina. Condiviso con i cittadini un bilancio del lavoro degli ultimi tre anni. Presente anche il sindaco metropolitano Dario Nardella

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Oltre trecento in piazza con il sindaco Francesco Casini e la giunta. 

    Nutrita la partecipazione alla cena di metà mandato dell’amministrazione comunale di Bagno a Ripoli, giovedì 26 maggio in piazza Umberto I a Grassina.

    L’iniziativa si è aperta con i saluti del sindaco Casini, del vicesindaco Paolo Frezzi, delle assessore Francesca Cellini ed Eleonora François, e degli assessori Enrico Minelli e Francesco Pignotti.

    Dopo la cena allestita da Siaf, il primo cittadino ha ripercorso le tappe del mandato dal 2019 ad oggi.  Presenti all’iniziativa anche molti consiglieri comunali e istituzioni regionali, a partire dal sindaco di Firenze e della Città metropolitana Dario Nardella e dal consigliere regionale Massimiliano Pescini

    “Tanti i temi affrontati durante l’iniziativa – dicono soddisfatti gli organizzatori – Dalla ripresa dei lavori per la Variante di Grassina alla scuola, con un piano di edilizia scolastica da oltre 15 milioni”.

    “Dal verde e la sostenibilità – proseguono – con la prossima realizzazione, tra le altre cose, del parco urbano di Bagno a Ripoli, al sociale, con l’anticipazione della realizzazione di una struttura per l’autonomia abitativa di persona con disabilità nell’ambito del progetto del “Dopo di noi” nella ex palazzina Ausl di via Dante Alighieri a Grassina, con l’avvio dei lavori nel mese di ottobre”.

    Insieme al sindaco Nardella, il primo cittadino ha ricordato anche “il lavoro, insieme al Comune di Firenze e alla Metrocittà, per la realizzazione della tramvia e del Bus rapid transit, che doteranno il territorio di Bagno a Ripoli e del Chianti di un sistema di trasporto moderno ed ecologico, il recupero di Mondeggi, per il quale sono in arrivo 52 milioni di euro grazie al Pnrr”.

    Ribadito inoltre l’impegno congiunto per la riqualificazione del complesso delle Gualchiere.

    Per l’occasione, inoltre, sono stati presentati i primi due video di una serie di contenuti realizzati dal Comune per illustrare i principali progetti per la Bagno a Ripoli di domani, alcuni in fase di completamento, altri ai nastri di partenza o work in progress, altri ancora che troveranno concretizzazione grazie alle opportunità offerte dal Pnrr.

    Dai prossimi giorni saranno pubblicati sul sito istituzionale del Comune e sui canali social (Facebook, Instagram e Youtube). 

    “Dopo due anni di pandemia, la piazza piena di persone di ieri sera è stata una bellissima festa di partecipazione, una carica di fiducia ed energia per  tutti noi, potersi ritrovare e stare insieme è stato un toccasana” commenta il sindaco Francesco Casini.

    “Abbiamo condiviso con tanti cittadini – prosegue – un primo bilancio degli ultimi tre anni di lavoro, raccolto nuovi spunti e suggerimenti e qualche critica costruttiva che aiuta sempre a crescere e fare meglio. L’obiettivo di tutti resta quello di rendere sempre migliore il nostro territorio, continueremo a lavorare senza risparmiarci per riuscirci. Un ringraziamento di cuore a chi c’era e a chi ha reso possibile la serata”.

    Proprio in concomitanza con l’iniziativa sono stati inaugurati i nuovi sistemi di illuminazione ecologica della piazza e del percorso pedonale di collegamento con l’area mercato di via Bikila, entrambi interamente a Led.

    Le luci della facciata della casa del popolo sono inoltre dotate di barre a Led che possono cambiare colore in base alla necessità, sul modello già adottato per il palazzo comunale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...