spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In sinergia con gli Uffizi, con sponsor Scervino, collocato dove venne trafugato nel 1921

    BAGNO A RIPOLI – Capolavori in campo per donare nuova luce all'Oratorio di Santa Caterina delle Ruote di Bagno a Ripoli.

     

    E’ la missione dell’evento “Dall’arte si riparte”,  organizzato dall’associazione Santa Caterina Onlus in collaborazione con la Galleria degli Uffizi e col patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli, durante il quale oggi, giovedì 18 lugli,o sarà ricollocata nella trecentesca cappella della famiglia Alberti in via del Carota, la riproduzione del trittico di Agnolo Gaddi “Madonna col Bambino e angeli tra i santi Andrea e Lorenzo” (nella foto sopra).

     

    L’opera originale, commissionata dagli Alberti nel 1390 e realizzata su sfondo d’oro, venne trafugata dall’abside dell’oratorio nel 1921, e da allora è conservata nel deposito degli Uffizi. Luogo da cui il dipinto dell’erede della tradizione giottesca si è mosso l’ultima volta nel 2009 grazie a un prestito di tre mesi della Galleria fiorentina.

     

    Un vuoto durato più di 90 anni che da giovedì sarà colmato grazie alla ricollocazione nella cappella di una fedele riproduzione del trittico realizzata con il contributo della casa di moda fiorentina Ermanno Scervino, la mediazione del Comune di Bagno a Ripoli e della Galleria degli Uffizi.

     

    Grazie al finanziamento infatti è stato possibile realizzare una copia della tavola originale orfana della predella in cui erano raffigurati Cristo in pietà fra i dolenti, un miracolo di san Filippo e il martirio di san Lorenzo, smarrita in seguito al furto.

     

    “La ricollocazione del trittico nella sua sede storica – spiega Andrea Poli, presidente di Santa Caterina Onlus organizzatrice dell’evento – rappresenta l’occasione per dare un segnale forte: arte e cultura come volano contro la crisi economica".

     

    "Perle meno note del territorio – prosegue – da inserire in un unico contesto con le maggiori attrazioni artistiche fiorentine per fare sistema, idee nuove per avvicinare la gente alle opere d’arte e al contempo attuare tutela e valorizzazione del patrimonio artistico  con concetti moderni di sostenibilità economica, ecco cos’è “Dall’Arte si ripArte”. Fra queste c’è l’oratorio di santa Caterina delle Ruote che da oggi vivrà un ciclo continuativo di eventi culturali grazie al progetto di valorizzazione nel quale la nostra associazione e il Comune di Bagno a Ripoli hanno unito le forze".

     

    "Stiamo già lavorando – annuncia Poli – per applicare questi concetti innovativi nel periodo tra settembre e dicembre  in cui si terrà la mostra su Francesco  Granacci e Giovanni Larciani curata dalla Galleria degli Uffizi e organizzata con il Comune di Bagno a Ripoli”

     

    Il ritorno del capolavoro del Gaddi nella scarsella di Santa Caterina alle 19 sarà seguito dal dibattito “Talkin’ art” moderato dal giornalista Rai Marco Hagge. Ai saluti dell’assessore alla cultura Alessandro Calvelli, seguiranno gli interventi “Francesco Granacci e Giovanni Larciani all’oratorio di santa Caterina” e “Il trittico di Agnolo Gaddi” del direttore della Galleria degli Uffizi Antonio Natali, “Perché dall’arte di riparte” del sindaco Luciano Bartolini.

     

    A seguire "Il modello di Santa Caterina: sintesi del progetto di valorizzazione dell’oratorio” di Andrea Poli, presidente di Santa Caterina Onlus. Concluderà la serata l’imprenditore Toni Scervino, finanziatore della riproduzione dell’opera del Gaddi con l’intervento “Moda, arte e territorio: Ermanno Scervino e il trittico dell’oratorio a Bagno a Ripoli”.

     

    Da venerdì 19 luglio le porte di santa Caterina saranno aperte al pubblico che potrà ammirare l’opera liberamente.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...