spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ubaldino Peruzzi, concittadino e sindaco di Firenze capitale: una conferenza in biblioteca comunale

    Domani, martedì 8 novembre alle 17, incontro a cura del giornalista Franco Mariani. Presente l'assessora Eleonora François

    BAGNO A RIPOLI – Si svolgerà domani, martedì 8 novembre, alle 17 presso lo SpazioPiù “Giovanni Cherubini” in biblioteca comunale a Ponte a Niccheri, l’incontro “Il concittadino Ubaldino Peruzzi: dall’Antella a ministro del governo e sindaco di Firenze capitale d’Italia”.

    A cura del giornalista Franco Mariani sarà illustrata la storia di Ubaldino Peruzzi in occasione dei duecento anni dalla nascita e a 131 dalla morte, ripercorrendo aneddoti e curiosità sulla vita di uno dei maggiori protagonisti della storia dell’Italia unita.

    Presente anche l’assessora alla cultura del comune di Bagno a Ripoli, Eleonora François

    Nato il 2 aprile 1822, Peruzzi dal 1861 fu ministro dell’Interno e dei lavori pubblici, sindaco di Firenze Capitale, senatore e assessore di Bagno a Ripoli.

    Contribuì allo sviluppo del Paese nei governi Cavour, Minghetti e Ricasoli. All’impegno politico e nelle istituzioni, affiancò quello tra le fila della Misericordia.

    Di cui fu socio e conservatore fino alla morte, avvenuta nel 1891.

    Con il famoso salotto della moglie Emilia Toscanelli, sia in città che nella villa sopra l’Antella, sua residenza preferita, coinvolse i più illustri personaggi della politica, della cultura e dello spettacolo dell’epoca.

    Compresi gli artisti che chiamò per realizzare il cimitero monumentale di Antella.

    La cittadinanza è invitata a partecipare. Info: info@misericordia-antella.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua