mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Una nuova auto per l’Auser di Bagno a Ripoli: nel nome di Luigi Cirri

    Nei giorni scorsi l’inaugurazione del mezzo comprato con la donazione della famiglia. Il ringraziamento dell’amministrazione comunale

    BAGNO A RIPOLI – Molto spesso il volontariato fa emergere gesti di straordinaria generosità e di amore verso il prossimo.

    È certamente il caso della famiglia di Luigi Cirri, e in particolare della vedova che ha voluto onorare la memoria del marito defunto facendo una donazione alla sezione Auser di Bagno a Ripoli presso cui prestava servizio.

    Pur abitando a Tavarnuzze, Luigi era un volontario “storico” dell’associazione da circa venti anni, fin da quando aveva contribuito alla nascita del progetto “Un volontario e un libro per amico”, di cui ha continuato ad occuparsi fino allo scorso anno, quando una brutta malattia se lo è portato via.

    Insieme alla parrocchia, la famiglia fin da subito ha organizzato una raccolta fondi in sua memoria, che ha poi girato interamente alla sezione ripolese dell’Auser.

    L’associazione ha quindi usato queste risorse per l’acquisto di una macchina con cui realizzare il servizio di trasporto sociale per gli anziani del territorio.

    La nuova auto, inaugurata lo scorso giovedì 10 settembre, è già in funzione e verrà utilizzata dai volontari per trasportare i cittadini con problemi di mobilità verso l’ospedale o lo studio medico… ma anche in farmacia o al supermercato.

    All’inaugurazione, avvenuta presso la sede dell’Auser, era presente l’assessora alle politiche sociali del Comune di Bagno a Ripoli Eleonora Francois, che a nome dell’amministrazione comunale ha donato una targa di ringraziamento alla famiglia Cirri per il gesto di generosità compiuto a beneficio di tutta la comunità.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...