spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIDEO / Quarate, il grido di dolore di una cittadina: “Ho bisogno di aiuto, lo chiedo da giorni”

    La testimonianza di Virginia Longo. Trentadue secondi nei quali la sentiamo a telefono, con i vigili del fuoco, disperata, mentre chiede assistenza

    QUARATE (BAGNO A RIPOLI) – Quello che arriva in redazione al Gazzettino del Chianti è un vero e proprio grido di dolore.

    Arriva da una cittadina, Virginia Longo, che vive in via Tizzano 210, a Quarate, nel comune di Bagno a Ripoli.

    Una testimonianza che può essere associata a molte altre che abbiamo sentito in questi giorni.

    Che, a fronte di un enorme, colossale impegno da parte delle istituzioni e del magnifico mondo del volontariato, va a scontrarsi con una situazione complessa e molto vasta.

    Anche lei infatti, purtroppo, è stata colpita come tantissimi su questo versante, che poi scende giù verso Capannuccia, Grassina, Ponte a Ema, dal nubifragio di lunedì 15 agosto.

    Nei 32 secondi di video Virginia mostra la situazione ad oggi, giovedì 18 agosto. La sentiamo a telefono, con i vigili del fuoco, disperata, mentre chiede assistenza.

    “Fino ad oggi – ci dice – è stato davvero terribile. Sono intervenuti a dare una mano solo privati cittadini”.

    “Il Comune – prosegue – i vigili, la protezione civile, i carabinieri. Qui c’è stata solo una grande assenza. Malgrado molteplici sopralluoghi di tecnici del Comune e della Regione”.

    “Solo nel pomeriggio di oggi – dice ancora – di fronte all’evidenza della nostra totale emergenza, è arrivato un escavatore. Per il borro, le fosse biologiche. Sistemate alla meglio dalla buona volontà di una ditta privata”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...