spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Covid-19: è morto uno dei nostri “fratelli” che seguivamo con apprensione”

    Un sambuchino. L'annuncio del sindaco Baroncelli: "Deceduta anche una signora ospite di Rsa fuori comune"

    BARBERINO TAVARNELLE – L’annuncio del sindaco di Barberino Tavarnelle, David Baroncelli, arriva nel suo consueto punto sulla giornata, domenica 5 aprile.

    “Settimo giorno consecutivo senza nuovi contagi – scrive Baroncelli – ma mon è un buon giorno però. Non lo è”.

    “Oggi – prosegue – è deceduto un nostro concittadino, uno dei sette nostri fratelli e sorelle che seguivamo tutti con attenzione e con apprensione. Nei giorni scorsi è deceduta anche una nostra concittadina, una donna di età avanzata, ricoverata in una struttura dell’empolese, anche lei per Covid-19, ma per questo ricovero non era censita nei nostri casi”.

    L’uomo, 69 anni, ex operaio, era in pensione: “Salgono dunque a tre le persone del comune di Barberino Tavarnelle morte per Covid-19. Il nostro affetto e tutto il nostro amore va alle famiglie che hanno perso i loro cari, va a loro l’abbraccio della comunità, un abbraccio grande, profondo, caldo e fraterno”.

    “Oggi però – sottolinea il sindaco – voglio dire che il nostro cordoglio e dolore non bastano, dovrebbero essere accompagnati anche da maggiore responsabilità che a volte, scusate, non vedo. Pensiamoci bene. Ripeto ogni giorno che usciamo da questo inferno solo passo dopo passo, giorno dopo giorno, e vediamo di farlo tutti insieme responsabili gli uni degli altri”.

    “Attenetevi ancora più strettamente alle prescrizioni – conclude – eliminate le uscite, al massimo. Ci vuole tanta pazienza, lo so, ma vinc

    di MATTEO PUCCI

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...