martedì 26 Gennaio 2021
Altre aree

    Barberino Tavarnelle: ufficio anagrafe in ristrutturazione. Termine entro la primavera

    Tra gli interventi più rilevanti l’abbattimento delle barriere architettoniche. Il sindaco David Baroncelli: "Ultimo tassello di un’operazione complessa che ha richiesto tempo e risorse"

    TAVARNELLE (BARBERINO TAVARNELLE) – Con l’intervento di restyling dei servizi demografici, situati in piazza Matteotti, a Tavarnelle, si conclude il piano di riorganizzazione degli uffici realizzato dalla giunta di Barberino Tavarnelle per incrementare, si spiega, “la funzionalità dei servizi, la fruibilità degli spazi pubblici e l’efficacia del lavoro interno ed esterno tra le diverse aree che compongono la macchina comunale”.

    Il progetto di revisione della struttura, sul piano amministrativo e gestionale, è uno dei primi passi scaturiti dall’istituzione del Comune unico.

    I lavori sono in corso e hanno dato il via ad un’opera di rinnovo integrale degli spazi per un investimento complessivo che all’amministrazione comunale ha richiesto una spesa pari a circa 80mila euro.

    “L’ufficio anagrafe che è uno dei più fruiti dalla cittadinanza per i servizi che eroga – rileva l’assessore ai lavori pubblici Roberto Fontani – ha richiesto un ampio intervento di ristrutturazione che prevede il rifacimento degli impianti, la ripavimentazione e l’installazione di nuovi arredi”.

    Tra gli interventi più rilevanti l’abbattimento delle barriere architettoniche che si realizzerà attraverso la creazione di un accesso con ingresso adiacente a quello principale, posto sotto il loggiato del palazzo comunale, in piazza Matteotti.

    Il trasferimento dell’ufficio che al momento è situato al piano terra del palazzo consiliare si terrà entro la primavera.

    “I lavori di ristrutturazione dell’Anagrafe costituiscono l’ultimo tassello di un’operazione complessa che ha richiesto tempo e risorse – aggiunge il sindaco David Baroncelli – l’obiettivo è stato quello di consentire agli uffici, affini per competenze, di interagire con maggiore efficacia soprattutto nei settori che richiedono competenze incrociate, come l’area tecnica che abbiamo deciso di concentrare in un’unica sede, il palazzo comunale di Barberino”.

    “Oltre alla creazione di ambienti adeguati e confortevoli – conclude il primo cittadino – la ricollocazione delle aree del Comune è stata predisposta per rispondere alle esigenze dei cittadini in un percorso di continuo miglioramento delle prestazioni amministrative e operative, volte a garantire snellezza e semplificazione delle procedure”.

    SEDI UFFICI COMUNE UNICO

    La nuova disposizione degli uffici comunali di Barberino Tavarnelle è articolata in due sedi.

    In quella di via Cassia, all’interno del Palazzo comunale di Barberino Val d’Elsa, trovano spazio le aree Pianificazione territoriale e Urbanistica, Lavori Pubblici, Ambiente, Progettazione ed Edilizia, Sue, Suap e Sviluppo economico, Segnaletica stradale e Politiche per la Casa.

    Nell’edificio di piazza Matteotti, a Tavarnelle, sono situate le aree Comunicazione, Pianificazione economica territoriale, Servizi Educativi, Cultura e Sport, Personale, Affari Generali, Servizi Finanziari, Ced e Segretario comunale.

    L’area dei Servizi Sociali è disposta presso il distretto Socio-sanitario Il Borghetto, mentre gli uffici Tributi sono situati in piazza Matteotti, lato palazzo consiliare. Gli uffici della Polizia locale sono posizionati in via Cassia, a Barberino Val d’Elsa.

    Gli uffici Relazioni con il Pubblico hanno mantenuto la loro collocazione ai piani terra di entrambe le sedi.

    Il palazzo comunale di Barberino accoglie la sede istituzionale del Consiglio comunale e da aprile ospiterà gli uffici del sindaco e della giunta comunale che manterranno comunque la sede nel palazzo comunale di Tavarnelle sulla base delle necessità organizzative.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...