spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Frazione invasa da fango e detriti: sfiorato il dramma dentro un garage

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    SAMBUCA (TAVARNELLE) – Hanno rischiato la vita due coniugi residenti in via Leonardo Da Vinci, nella frazione tavarnellina della Sambuca, dopo che il piccolo borro che raccoglie le acque della collina è tracimato riuscendo a spalancare il cancello e invadere il giardino.

     

    "Siamo scesi in garage, quando improvvisamente abbiamo visto salire l’acqua – racconta la signora al Gazzettino de Chianti con la paura ancora negli occhi – sono stati pochi secondi, improvvisamente si sono sollevati gli attrezzi da giardinaggio come se fossero fuscelli, un compressore è andato a sbattere nella gambe di mio marito, mentre un mobile gli è caduto addosso".

     

    "Mi sono messa a gridare – dice ancora – l’ho agguantato e sono riuscita a trascinarlo per le scale, mentre l’acqua irrefrenabile saliva. Siamo vivi per miracolo!".

     

    Sul posto, rimasto tra l’altro senza corrente elettrica, sono arrivati i vigili del fuoco da Firenze, che con un'idrovora sono riusciti a “ributtare” nel fiume Pesa, l’acqua del garage.

     

    Situazione altrettanto difficile per i residenti del centro della Sambuca, il paese più colpito dalla bomba d'acqua del pomeriggio del 5 giugno. In particolare via Senese, dove l’acqua è riuscita ad entrare nonostante qualcuno, viste le pessime condizioni atmosferiche, si fosse premunito di mettere delle assi alle porte.

     

    A poche centinaia di metri altro disastro: ancora una volta un piccolo borro è tracimato riuscendo a scardinare la recinzione di un'azienda. "Una cosa inaudita, mai vista prima" ci ha raccontato un volontario de “La Racchetta” di Tavarnelle, prontamente intervenuta, che con la Jeep ci ha portato a documentare quanto avvenuto.

     

    Naturalmente sul posto anche la polizia municipale di Tavarnelle e Barberino, oltre ai volontari della Protezione Civile. Alcuni anche arrivati in aiuto da San Casciano. Con il sindaco Sestilio Dirindelli e il vicesindaco David Baroncelli sul "campo".

     

    "Grazie anche all'intervento di Quadrifoglio – spiega Baroncelli – siamo riusciti a dare una prima pulita, mentre lo svuotamento di cantine e garage è quasi terminato. Impressionante la quantità d'acqua caduta, nell'ordine di 50mm in pochi minuti: ho visto garage di 17 metri quadri con un metro d'acqua dentro".

     

    "Domattina – ha concluso – torneremo al lavoro sul paese. Poi cercheremo di capire se e quali danni sono stato causati nella zona industriale".

     

    Anche a San Casciano non sono mancati i disagi: la più colpita la frazione del Bargino, dove sono stati alluvionati appartamenti e, in parte la scuola, accanto alla quale passa un borro. Se stavolta hanno retto bene i fiumi, la causa dei danni va infatti attribuita ai cosiddetti “corsi minori”: che come abbiamo potuto constatare sono da prendere in seria considerazione.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...