spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Centri estivi 0-3 anni. Gioco e divertimento nei nidi comunali per 70 bambini nel Chianti fiorentino

    Il servizio è attivo fino al 31 luglio nei tre Comuni e offre un aiuto concreto ai genitori che lavorano: "I bambini erano desiderosi di riprendere contatto con educatrici e coetanei"

    CHIANTI FIORENTINO – Sta proseguendo nel pieno rispetto delle linee guida sulla sicurezza il servizio dei centri estivi nel Chianti fiorentino per i piccoli nella fascia 0-3, destinati a sostenere le famiglie impegnate a conciliare i tempi del lavoro con quelli della famiglia.

    Sono una settantina i bambini complessivamente iscritti al servizio intrapreso dai Comuni di Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti e San Casciano.

    I centri estivi, aperti fino al 31 luglio, offrono un’opportunità di gioco e apprendimento e si affiancano al ricco programma dei campi estivi in modalità outdoor, promosso dalle assessore alle politiche educative Marina Baretta (Barberino Tavarnelle), Elisabetta Masti (San Casciano) e Maria Grazia Esposito (Greve in Chianti).

    Un aiuto concreto ai genitori impegnati a gestire il rapporto tra famiglia e lavoro in questa fase dell’emergenza sanitaria del quale sono soddisfatti i coordinatori pedagogici Giulia Clemente per i Comuni di Barberino Tavarnelle e Greve e Paolo Borin per San Casciano.

    “I bambini sono felici, non hanno avuto alcun problema nell’affrontare il rientro – dicono – anzi sembravano desiderosi, dopo 4 mesi di chiusura e isolamento causato dal lockdown, di tornare a riprendere il contatto con le educatrici e i coetanei, anche per noi è un valore aggiunto poter ristabilire un legame con i nostri bambini che tanto ci sono mancati in questo periodo”.

    “A gruppi così ridotti – precisano – come previsto dalle disposizioni governative, possiamo agevolmente rispondere ai loro bisogni, cogliere ogni sguardo, ogni sorriso, ogni piccola grande conquista”.

    “Speriamo di poter riprendere normalmente la nostra attività a settembre – auspicano – osservando tutte le misure antiCovid, gli spazi comunali nel Chianti non mancano, i nidi sono ampi, confortevoli, attrezzati, sostenibili. L’alta professionalità delle educatrici garantisce qualità e sicurezza nel percorso educativo di ogni bambino”.

    Il Comune di San Casciano ha messo a disposizione i nidi “Fiordaliso Nadia e Caterina Nencioni” e “Lagomago” di Mercatale.

    Il Comune di Greve in Chianti svolge le attività al nido “La Coccinella”.

    Il Comune di Barberino Tavarnelle utilizza gli spazi dei asili nido comunali “Il Melarancio” di Barberino Val d’Elsa e “Il Melograno” di Sambuca.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...