spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Colpi di fucile ad aria compressa in piazza della Repubblica a Tavarnelle, individuato il responsabile

    Dopo la denuncia della donna colpita il 18 agosto, immediate le indagini dei carabinieri della Stazione di Barberino Tavarnelle: identificato l'autore, un 18enne

    TAVARNELLE (BARBERINO TAVARNELLE) – Nel pomeriggio di ieri, mercoledì 19 agosto, i carabinieri della Stazione di Barberino Tavarnelle, hanno individuato e identificato chi si divertiva a sprare, con un fucile da soft air, nel cuore di Tavarnelle.

    Proprio ieri avevamo raccontato la storia di una ragazza, colpita all’addome da un proiettile in piombo in piazza della Repubblica.

    # Tavarnelle: “Colpita all’addome da un pallino di piombo mentre ero in piazza della Repubblica”

    Immediate le indagini dei militari guidati dal luogotenente Giuseppe Cantarero, relative alla denuncia della donna.

    Che il 18 agosto, in piazza della Repubblica, più o meno all’altezza degli spazi di sosta di fronte alla biblioteca comunale, era stata colpita da alcuni proiettili per arma ad aria compressa.

    Dopo poche ore di indagini, i carabinieri hanno identificato e denunciato in stato di libertà un 18enne del posto che aveva compiuto il gesto appostandosi sulla finestra del proprio appartamento.

    I militari hanno accertato che anche altre due persone erano rimaste vittime della condotta del 18enne.

    Hanno sequestrato l’arma (un fucile ad aria compressa) e due sacchi di munizioni da soft-air che sono state spontaneamente consegnate dal giovane.

    Si è chiusa così una vicenda surreale. Che poteva creare danni ben più gravi di quanto accaduto.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...