spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Differenziata di qualità, Ecocentro del Pontenuovo aperto anche la domenica

    Anche l'Ecofurgone rafforza la presenza sul territorio, sarà attivo il primo mercoledì del mese

    PONTENUOVO (BARBERINO TAVARNELLE) – Il Comune di Barberino Tavarnelle, grazie alla collaborazione di Alia, il gestore del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti, incrementa i servizi ambientali sul territorio.

    Sono due le novità si aggiungono ai servizi attivi per migliorare le prestazioni ambientali e elevare la percentuale di raccolta differenziata che, in base agli obiettivi dell’amministrazione comunale, ambisce a superare il 70%.

    Con l’estensione del porta a porta su tutto il territorio, operazione già completata, arrivano l’apertura domenicale dell’orario al pubblico dell’Ecocentro comunale, situato nella frazione di Sambuca, e il potenziamento della presenza dell’Ecofurgone che da domani, mercoledì 2 marzo, sarà disponibile anche il primo mercoledì del mese.

    “Due importanti novità – commenta il sindaco David Baroncelli – con le quali andiamo incontro alle esigenze dei cittadini”.

    “Alla luce dell’introduzione integrale del servizio di porta a porta – spiega – stiamo riprogrammando anche la collocazione e la gestione delle campane di vetro sul territorio comunale. Con l’intento di incrementare la differenziata in termini di qualità e quantità e orientare la nostra comunità sempre di più verso le pratiche del riuso e del riciclo”.

    All’Ecocentro comunale, situato in via Michelangelo 25, dove è possibile conferire tutti quei rifiuti che non possono essere gestiti con raccolta domiciliare, sarà accessibile anche la domenica.

    Nel dettaglio sarà possibile conferire recarsi all’Ecocentro al mattino (dalle 7.30 alle 13.30) nei giorni di lunedì, mercoledì, venerdì e domenica; nel pomeriggio (dalle 13.30 alle 19.30), invece, il giovedì ed il sabato. 

    La prima domenica di apertura al pubblico sarà il 6 marzo; unico giorno di chiusura il martedì, a partire dall’8 marzo.

    Anche l’attivazione dell’Ecofurgone sarà implementata. Si tratta del veicolo attrezzato di Alia dove è possibile per le utenze domestiche consegnare tutti quei rifiuti che, per caratteristiche o dimensioni, non devono essere esposti durante il “porta a porta”.

    Agli appuntamenti già attivi, si aggiungono da domani, 2 marzo, quelli del primo mercoledì del mese; l’Ecofurgone stazionerà, dalle 8.30 alle 10.30, a Monsanto e dalle 11 alle 12.30 a Tavarnelle presso il negozio Coop.

    I cittadini che possono gratuitamente utilizzare il servizio per conferire: olio vegetale esausto, lampade e tubi al neon, vernici in barattolo e bombolette spray, toner e cartucce stampanti, pile e batterie, piccoli elettrodomestici (come radio, cellulari, phon, tostapane, utensili elettrici, frullatori) e farmaci scaduti.

    Ricapitolando, il territorio comunale è servito dall’Ecofurgone secondo il calendario che segue:

    • 1° mercoledì del mese: Monsanto 8-10.30; Tavarnelle c/o Coop 11-12.30

    • 3° giovedì del mese: Barberino 8-10.30; Marcialla 11-12.30

    • 4° giovedì del mese: Tavarnelle 8-10.30; Sambuca 11-12.30

    • 4°venerdì del mese: San Donato 8-10.30; Vico 11-12.30

    E’ possibile fino al 15 marzo prossimo prenotare la consegna del kit di raccolta chiamando il numero dedicato 0550541027.

    Per informazioni: https://www.aliaserviziambientali.it, App Junker, Call Center, attivo dal lunedì al venerdì (8.30-19.30) e il sabato (8.30-14.30) ai numeri 800888333 (da rete fissa, gratuito) o 199105105 (da rete mobile, a pagamento, secondo i piani tariffari del proprio gestore), 05711969333 (da rete fissa e da rete mobile).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...