spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domenica 2 ottobre torna a Tavarnelle (in piazza Matteotti) Svuota la Soffitta

    Possono partecipare privati cittadini che intendano vendere o scambiare oggetti usati propri. Le informazioni, le regole e le scadenze per poterlo fare

    BARBERINO TAVARNELLE – Domenica 2 ottobre, dalle ore 9.30 alle 18, torna l’atteso appuntamento con il mercatino del riuso Svuota la Soffitta, in piazza Matteotti a Tavarnelle.

    Possono partecipare privati cittadini che intendano vendere o scambiare oggetti usati propri. La partecipazione è consentita ad un solo componente per nucleo familiare. Sono ammessi anche minori di 18 anni, purché accompagnati.

    E’ esclusa la partecipazione a qualsiasi operatore commerciale, artigiano, non professionista (già “hobbista”) e venditore di opere dell’ingegno.

    Saranno 50 gli spazi disponibili. Lo spazio massimo assegnabile ad ogni partecipante è di mq 6 (3 metri per 2 metri).

    Ogni partecipante deve provvedere per proprio conto ad allestire lo spazio espositivo, procurandosi tavoli e sedie e quanto necessario per la vendita e/o lo scambio del materiale, e mantenendo una distanza di almeno 1,5 metri dagli allestimenti vicini.

    Deve essere garantito il libero passaggio di eventuali mezzi di soccorso. Il proprio spazio espositivo non può essere dato in uso ad altri, a nessun titolo, neppure parzialmente o temporaneamente.

    Si possono vendere e scambiare beni di esclusiva proprietà del partecipante. Le cose esposte devono essere usate, possibilmente trasportabili a mano e naturalmente in buone condizioni, pulite e di valore commerciale inferiore, uguale a 50 euro.

    È vietata la vendita di oggetti nuovi, oggetti antichi con valore superiore a 50 euro, oggetti preziosi, prodotti alimentari, piante, animali, armi e/o materiali esplodenti e/o combustibili.

    Per partecipare si deve presentare la domanda di partecipazione entro le ore 13 di lunedì 26 settembre (la trovate a questo link), allegando copia di un documento di identità valido (pena l’esclusione dalla manifestazione).

    Le adesioni dovranno pervenire con una delle seguenti modalità:

    – posta ordinaria o raccomandata (le domande dovranno comunque pervenire entro il termine di cui sopra e non saranno concesse deroghe, neanche nel caso in cui si verificassero ritardi dovuti al servizio postale);

    – consegna diretta all’Ufficio Protocollo (URP) del Comune di Barberino Tavarnelle (piazza Matteotti 39 a Tavarnelle; via Cassia 49 a Barberino Val d’Elsa);

    – per PEC  all’indirizzo barberinotavarnelle@postacert.toscana.it (non saranno accettate domande di adesione trasmesse a mezzo posta elettronica non certificata)

    La partecipazione è gratuita.

    L’accesso all’area della manifestazione con veicoli è consentito esclusivamente agli espositori nei seguenti orari: dalle ore 8.30 alle ore 9.30 per lo scarico del materiale e la preparazione dell’esposizione; dalle ore 18 alle ore 19 per il carico del materiale esposto e la pulizia dello spazio concesso.

    Terminate le operazioni di scarico della merce da esporre, e comunque entro le ore 9.30 gli espositori dovranno spostare i veicoli dall’area della manifestazione e parcheggiarli negli appositi parcheggi pubblici.

    Per ulteriori informazioni contattare: 0558052324 – 0558052245 – e-mail urp@barberinotavarnelle.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...