spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 29 Maggio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Letture on demand, richiedi un testo e Massimo Salvianti lo leggerà on line

    Da questa sera, ore 18.30, tutte le domeniche fino alla fine dell'emergenza epidemiologica: come funziona

    BARBERINO TAVARNELLE – Un sogno che si realizza anche ai tempi del Coronavirus: rendere la cultura di qualità accessibile a tutti attraverso un approccio interattivo e un patrimonio letterario che si anima di vita digitale stabilendo un contatto diretto con i cittadini.

     

    Prende il via una nuova avventura legata alle potenzialità del web la cui forza comunicativa corre più veloce della paura da contagio.

     

    Un Decamerone nuovo, attivo da alcuni giorni, si arricchisce dell'opzione "on demand", l'iniziativa che amplia e innova l'offerta culturale del Comune di Barberino Tavarnelle con le letture on line a richiesta, interpretate da un grande professionista del territorio, l'attore della compagnia Arca Azzurra Teatro Massimo Salvianti.

     

    Da questo pomeriggio, alle ore 18:30, e tutte le domeniche fino alla fine dell'emergenza epidemiologica gli spazi virtuali di Facebook, pagina del Comune di Barberino Tavarnelle e profilo del sindaco David Baroncelli, si riempiranno di dediche, serenate letterarie, momenti di svago e condivisione “quelli sui quali – dichiara il sindaco David Baroncelli – si costruisce l'idea di una biblioteca digitale sempre aperta, fondata sul valore della partecipazione dei cittadini e l'amore per la lettura”.

     

    L'iniziativa consiste nella possibilità di scegliere un testo o un autore, tra i preferiti e di poterlo ascoltare dalla viva voce dell'attore Massimo Salvianti che leggerà da un inedito palcoscenico allestito a casa propria.

     

    Con il guizzo, l'accento espressivo e l'umanità che gli appartengono, qualità e interessi molteplici che caratterizzano da anni la sua carriera.

     

    Da Omero a Kierkegaard, da Antonio Gramsci a Primo Levi, da Molière ad Edgar Allan Poe fino alla poesia e alla letteratura contemporanea con i capolavori di Mariangela Gualtieri e le opere teatrali della stessa compagnia Arca Azzurra firmate da Ugo Chiti.

     

    Tante le richieste che i cittadini di Barberino Tavarnelle hanno inoltrato e stanno inviando alla posta elettronica dedicata (cinziadugo@gmail.com) per la programmazione domenicale delle letture virtuali su cui è al lavoro Massimo Salvianti.

     

    “La grande letteratura di tutti i tempi al servizio del cuore – afferma Massimo Salvianti – le richieste mi stupiscono non solo per il numero, ne stanno arrivando davvero tante, ma per il genere, i contenuti e i bisogni dai quali scaturiscono. In un momento difficile e complesso, come quello che stiamo vivendo, che ci costringe alla necessaria reclusione, c'è più tempo per riflettere. E allora si pensa ai propri cari, ai genitori anziani, ai figli, agli amici, al piacere di ridurre le distanze e coltivare interessi letterari. Un'esperienza che sta crescendo ogni giorno dalla quale mi sento arricchito dal punto di vista professionale e umano, ringrazio tutti coloro che mi permettono di produrre spunti e stimoli vitali, di sentirmi in mezzo alla gente, parte della mia comunità, pur trovandomi in una condizione di isolamento. Pensate che questa sera mi cimenterò nella lettura di una canzone di De Andrè. Cosa c'è di più vitale?".

     

    Le letture possono essere richieste a Massimo Salvianti scrivendo all’ufficio stampa del Comune: cinziadugo@gmail.com.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...