spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Europa Verde: “Acqua pubblica, le decisioni del consiglio comunale di Barberino Tavarnelle ci allarmano”

    "Conferite le azioni di Publiacqua possedute dal comune di Barberino Tavarnelle ad una nuova società, in vista della costituzione di una holding pubblica pluri-partecipata"

    BARBERINO TAVARNELLE – “Nella sua ultima seduta del 7 giugno scorso, il consiglio comunale di Barberino Tavarnelle ha approvato a maggioranza una delibera che conferisce le azioni di Publiacqua possedute dal comune di Barberino Tavarnelle ad una nuova società, in vista della costituzione di una holding pubblica pluri-partecipata per la gestione delle partecipazioni societarie”.

    Inizia così la riflessione di Europa Verde Chianti, con il suo referente di zona Paolo Fantin, sul tema dell’acqua pubblica.

    Europa Verde, dice Fantin, che “ha una posizione precisa sulla questione dell’acqua: prendendo a prestito le parole di Nelson Mandela “L’acqua è un diritto di base per tutti gli esseri umani: senza acqua non c’è futuro. L’acqua è democrazia”. Per garantire questo diritto, l’acqua non deve diventare in nessun caso un bene che generi profitto, perché questo significherebbe lucrare sulle tariffe per creare utili, mentre ogni eventuale margine economico deve essere reinvestito nel miglioramento della rete, nella manutenzione, nel controllo della qualità dell’acqua e, possibilmente, nella diminuzione delle tariffe”.

    “Questa nuova società risponde a questi obbiettivi irrinunciabili? – domanda – Una prima fonte di preoccupazione è che la nuova società sarà una SpA – Società per Azioni, che seppure controllata dal pubblico, ha un impianto privatistico, cioè deve rispettare compatibilità economiche e regole di gestione (governance) precise, che potrebbero precludere ad una finalità esclusivamente di servizio e di garanzia del diritto all’acqua”.

    “E se poi – prosegue – la nuova società decidesse di cercare risorse finanziarie quotandosi in borsa, si ridurrebbe ancora di più l’effettiva capacità di controllo del settore pubblico”.

    “Un’altra fonte di preoccupazione – riprende Fantin – è il peso che i piccoli comuni, che hanno partecipazioni ridottissime, avranno nella futura società”.

    “Già ora – ricordano da Europa Verde – un comune della dimensione di Barberino Tavarnelle non ha strumenti per incidere davvero sulle decisioni, ma domani ne avrà ancora meno? E quali strumenti il cittadino avrà per avere risposte certe in tempi brevi dalla società che gestisce il diritto all’acqua?”.

    “Il risultato del referendum del 2011 – puntualizza Fantin – cioè oltre il 90% di consenso, dice che le persone sono profondamente consapevoli dell’importanza che l’acqua sia pubblica. Il processo decisionale sulla nuova governance, invece, sta passando quasi sotto silenzio e con tempi contingentati, mentre un ampio dibattito, non solo politico, ma anche con i cittadini, sarebbe necessario ed utile a prendere decisioni più condivise”.

    “Europa Verde – annuncia – chiede quindi agli amministratori e alle forze politiche di permettere, anzi di suscitare un maggiore confronto, aperto e trasparente, e un maggior coinvolgimento generale, che finora non c’è stato”.

    “A tutti i cittadini del resto – conclude – chiediamo di essere vigili e di informarsi sui loro diritti. Si discuterà ancora sul tema dell’acqua, anche in consiglio comunale: invitiamo tutti a seguire questo dibattito, per ascoltare le ragioni di tutti e soprattutto per capire se e come si sta operando per garantire o per mettere a rischio la gestione pubblica e il suo imprescindibile valore di bene comune”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...