spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fu fra i soci fondatori del Calcit. Barberino Tavarnelle dice addio a Loredana Calosi: il ricordo

    E' venuta a mancare all'età di 77 anni. Insieme a Marcello Morandi, Tonino Saccardi, Carla Calosi, Franco Guarducci, Gina Trambusti e Anna Collini aveva dato inizio a un percorso straordinario

    BARBERINO TAVARNELLE – Domenica 4 settembre, all’età di 77 anni, è venuta a mancare Loredana Calosi, una donna molto conosciuta (e amata) in paese soprattutto perché è stata uno dei pilastri – oltre che la vicepresidente – del Calcit di Barberino Tavarnelle.

    Loredana era lì, quando trent’anni fa esatti, fu costituita questa associazione che da allora, con amore e dedizione, si occupa di raccogliere i fondi per fornire un servizio di assistenza e cura dei malati oncologici.

    Era lì insieme agli altri soci fondatori Marcello Morandi, Tonino Saccardi, Carla Calosi, Franco Guarducci, Gina Trambusti e Anna Collini. Che per vent’anni hanno costituito una squadra compatta.

    “Il Calcit è nato nel 1992 – ci racconta Michele Morandi, il figlio di Marcello, che attualmente è il presidente dell’associazione – da un gruppo di persone che avevano avuto tutte a che fare con l’oncologia. E che pensarono di aiutare chi in quel momento stava combattendo contro questa malattia”.

    Un gesto molto importante che ha fatto sentire al sicuro tantissimi cittadini del nostro comune e di quelli limitrofi, perché ha garantito una presenza costante e vicina. Perché è stato una sicurezza per chi (purtroppo) ne ha avuto bisogno.

    Un servizio fondamentale consisteva (e consiste tuttora) nel prestare assistenza a casa, grazie alla professionalità di alcuni medici. Come la dottoressa Luisa Fioretto, a cui Loredana è stata particolarmente legata.

    “Loredana è sempre stata in prima fila per l’associazione, dedicando un grande impegno in molte attività – prosegue Michele – Tra le altre cose, insieme ad altri ha messo su il catering e l’organizzazione degli eventi, perché lei era una grande cuoca”.

    Una decina di anni fa si è allontanata dall’associazione esclusivamente per ragioni logistiche, visto che si era trasferita a Siena. Ma sicuramente sarà stata molto felice quando i suoi figli (Serena, Federico e Riccardo Leoncini) le sono subentrati.

    “La mamma era buona – dice Serena, a nome anche dei suoi fratelli – Era una che non si arrendeva mai di fronte a nessuna difficoltà. Di momenti complicati ne ha passati tanti, ma si è sempre rimboccata le maniche ed è andata avanti senza piangersi addosso”.

    Il funerale è stato celebrato martedì. E adesso Loredana riposa nel cimitero di Poggibonsi accanto al suo marito Enzo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...