spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I cinquantenni di Barberino Tavarnelle si sono ritrovati per una super serata tutti assieme

    Erano ben 85 al ristorante pizzeria "Il Fiscolo" a La Botte (San Casciano): "Ci siamo lasciati con il pensiero di non aspettare altri dieci anni per rivedersi"

    BARBERINO TAVARNELLE – Venerdì 15 settembre, nella cornice del ristorante pizzeria “Il Fiscolo”, nel parco La Botte (a San Casciano), si sono riuniti i cinquantenni di Barberino Tavarnelle.

    Erano ben 85 (li potete vedere nell’immancabile foto di rito che si sono fatti) a brindare a questo traguardo, a questa cifra tonda che – come da tradizione – fa riunire i coetanei del nostro comune.

    “Abbiamo cercato di rintracciare tutti, anche i più lontani – a parlare sono le organizzatrici, che hanno curato ogni particolare dell’evento con grande entusiasmo – E, nonostante qualche assenza, ci siamo sorprese del numero finale”.

    “E’ stata una serata semplice ma divertente – proseguono – Abbiamo riso tanto nel ripensare agli anni di scuola e ai balli in pista”.

    Sin dai saluti iniziali infatti i nati nel 1973 si sono immersi nei ricordi.

    E hanno rivissuto quei momenti di gioventù, di allegria e spensieratezza, di nuovo insieme, come un po’ di anni fa.

    “Alcuni si erano trasferiti e non li vedevamo dalla prima media – raccontano ancora – E’ stato veramente emozionante rincontrarli”.

    Tra una pizza e l’altra non sono mancate le sorprese.

    Ad un certo punto hanno fatto la comparsa dei personaggi a dir poco esilaranti: quattro… spericolate domatrici di draghi. E così il divertimento è proseguito fino a notte inoltrata.

    “Ci siamo lasciati – concludono le organizzatrici – con il desiderio di non aspettare altre dieci anni… prima di rincontrarci”

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...