spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I dipinti di Francesco Nesi, ispirati al Piccolo Principe, in mostra al teatrino del Borghetto

    Organizzata dall'Associazione Amici del Museo di Arte Sacra di Tavarnelle. Che per il 30 dicembre (alla Pieve di San Pietro in Bossolo) ha allestito anche il Concerto di Capodanno

    BARBERINO TAVARNELLE – L’Associazione Amici del Museo di Arte Sacra di Tavarnelle, in collaborazione con la Pro Loco di Tavarnelle ha realizzato, in occasione delle prossime festività natalizie, una bellissima mostra di dipinti realizzati da Francesco Nesi.

    Nelle opere, ispirate al “Piccolo Principe”, il maestro ha espresso attraverso i suoi fantasmagorici colori e il suo originale segno tutta la sua gioia, la sua fantasia sconfinata.

    La mostra presso il teatrino del Borghetto a Tavarnelle sarà inaugurata il 22 dicembre alle 18 e resterà aperta fino al 9 gennaio.

    Tutti i giorni dalle 16 alle 19 ed i giorni del 26 dicembree 2 e 9 gennaio anche la mattina delle 9 alle 12. Resterà invece chiusa il 25 e il 31 dicembre.

    L’associazione ha anche organizzato un “Concerto di Capodanno” con musiche barocche; che si terrà alla Pieve di San Pietro in Bossolo il 30 dicembre alle ore 17.

    locandina piccolo principe_ def

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...