spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I Socialisti di Barberino Tavarnelle: “Tre anni fa la fusione fra i due comuni”

    "Vogliamo ricordare e celebrare questo evento storico e unico che resta nella nostra storia, dopo l’assurda scelta e decisione di scindersi nel lontano 1892"

    Quando due comunità decidono di unirsi non possiamo che valutare positivamente tale evento.

    Nei giorni 11 e 12 novembre del 2018 con un referendum molto partecipato e sentito dalla gente, le comunità di Tavarnelle e Barberino Val d’Elsa decisero di unirsi con una maggioranza schiacciante.

    Vogliamo ricordare e celebrare questo evento storico e unico che resta nella nostra storia, dopo l’assurda scelta e decisione di scindersi nel lontano 1892.

    Scelta che fu fatta da pochi, senza alcuna consultazione popolare, e solo per l’animosità di alcuni personaggi dell’epoca.

    A distanza di tre anni possiamo affermare che tutto va bene? Riteniamo di poter fare riflessioni sul tema che mostrano tante virtù e qualche pecca.

    A fronte di un’organizzazione sempre più coesa all’interno dell’amministrazione comunale, con un’offerta di servizi più adeguata e vicina alle esigenze della comunità, notiamo quanto tempo sia stato speso nel cercare di conciliare le debolezze amministrative delle due realtà in un unico modo di procedere e siano emerse anche piccole e grandi magagne che hanno rallentato la partenza del nuovo Ente unico con lo slancio che sarebbe stato necessario.

    I socialisti di Barberino Tavarnelle salutano con gioia questo importante anniversario per la nostra comunità, continueranno a mettere impegno, lavoro e dedizione per superare le tante e varie difficoltà che si presentano e invitano tutta la popolazione ad un impegno comune per il decollo del comune unico.

    Circolo Socialista Barberino Tavarnelle

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...