spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La giunta Baroncelli approva il protocollo condiviso con le associazioni per il welfare territoriale

    L’assessore alle Politiche sociali Giacomo Trentanovi: “il documento è frutto di un percorso condiviso e costruito con le associazioni”

    BARBERINO TAVARNELLE – Il Comune compie un ulteriore passo orientato alla realizzazione del welfare di comunità. E’ stato varato il protocollo di intesa che impegna l’amministrazione comunale e le associazioni locali a dare il via ad una delle prime esperienze in Toscana in cui, ai bisogni e alle esigenze dei cittadini più fragili, risponde un nuovo modello di collaborazione teso ad attuare gli strumenti della co-programmazione e co-progettazione.

    A descrivere gli aspetti salienti che qualificano il documento, messo a punto con l’obiettivo di a rafforzare il welfare territoriale di Barberino Tavarnelle, è l’assessore alle Politiche sociali Giacomo Trentanovi.

    “La sottoscrizione del protocollo che si realizzerà a breve – dichiara il vicesindaco – prende le mosse dal riconoscimento del ruolo fondamentale di promozione sociale, solidarietà e partecipazione che l’amministrazione comunale attribuisce al mondo del volontariato e alla rete di solidarietà attiva da anni sul nostro territorio con la quale collabora il nuovo ente e prima della riunificazione con gli allora Comuni di Barberino e Tavarnelle”.

    Il Comune e le associazioni si propongono di favorire lo sviluppo del benessere territoriale ovvero di individuare i necessari interventi di carattere sociale e socio-sanitario da realizzare a favore dei soggetti più fragili. Dopo aver ascoltato il territorio nella sua complessità e intercettato i bisogni, attraverso l’elaborazione di un’analisi puntuale della domanda, uno studio monitora il contesto per rilevare le maggiori criticità. Criticità riferite alla popolazione anziana, non o parzialmente non autosufficiente e con problemi di varia natura.

    “Tra i punti centrali del protocollo, che giunge a conclusione di un percorso costruito insieme e condiviso dall’amministrazione e dalle associazioni coinvolte – prosegue Trentanovi – abbiamo previsto la costituzione della Consulta del Sociale”.

    “Secondo quanto previsto dal Programma amministrativo di mandato del sindaco – aggiunge – e con il supporto dell’Università di Firenze per una ricognizione delle buone pratiche in tema di assistenza ai soggetti deboli, come disagi e handicap e anziani, si lavora su una programmazione e progettazione di un sistema a rete di sanità territoriale che preveda anche la presenza di una Casa della Salute / Casa della Comunità. La definizione del progetto “Ho tempo” ha come obiettivo di costruire una comunità più solidale attenta anche ai piccoli bisogni e l’istituzione del registro del volontariato individuale”.

    Il progetto, che sarà sancito dalla firma del documento nelle prossime settimane, vede protagoniste le associazioni Auser Volontariato Insieme Barberino Tavarnelle, Ci Incontriamo, Calcit Barberino Tavarnelle, Giardino Sottovico, Le Tre e un Quarto, Confraternita di Misericordia Barberino Tavarnelle.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...