spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La magia medievale entra a Barberino Val d’Elsa: è in moto la macchina del tempo ferma al 1200

    Il centro storico si prepara a compiere un tuffo nel passato con la festa medievale "Memoriae et Historiae de' Semifonte", il 10 e l'11 settembre

    BARBERINO TAVARNELLE – Nel cuore storico del borgo medievale di Barberino Val d’Elsa torna la due giorni che, sabato 10 e domenica 11 settembre, propone un viaggio nel passato, a ritroso nel tempo fino al 1200.

    Lo spettacolare corteo che sfila per le vie, le piazze e gli angoli del castello valdelsano riempirà di suoni, sapori, tessuti e colori la festa “Memoriae et Historiae de’ Semifonte”.

    Tante le attività, i giochi e le esibizioni medievali che arricchiranno il programma della manifestazione storico-teatrale.

    Barberino e Semifonte si fondono ancora una volta nel grande libro della storia portando in viaggio la memoria, la cultura, la letteratura, i giochi, i mestieri e divertimenti, la gastronomia dell’anno Mille.  

    E’ tempo di “Memoriae et Historiae di Semifonte”, l’attesa manifestazione che invita la Toscana a compiere un tuffo, profondo e avvolgente, in uno dei capitoli più leggendari del suo passato.

    Barberino Tavarnelle mette in moto la macchina del tempo per riportare cittadini e visitatori all’epoca in cui il castello scandiva le proprie giornate con la voce dell’anima di poeti illustratori come Francesco e Andrea da Barberino.

    I suoni e i rumori delle botteghe artigiane, la melodia della cetra, il ritmo incalzante dei banditori e i colori orientali dei tessuti e dei profumi dei mercanti.

    “Le porte del castello di Barberino Val d’Elsa, che guardano l’una a Firenze l’altra a Siena – commenta il sindaco David Baroncelli – sono pronte ad accogliere i sorrisi, le magie e le atmosfere dell’età medievale con l’arrivo di una folta e allegra parata costituita da numerosi figuranti provenienti da Barberino, Tavarnelle, San Casciano e dintorni”.

    Nobili, popolani, armigeri, artigiani, incorniciati dai canti e dai balli di menestrelli, giocolieri, incantatori e piccole danzatrici, vestono a festa un intero paese in occasione della tradizionale iniziativa promossa dal Comune e organizzata dall’Associazione Happy Days Onlus.

    Con la direzione artistica di Anna Brancaccio, in collaborazione con alcune associazioni culturali e di volontariato del territorio.

    Ingresso gratuito. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...