spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Marco De Paolis, a Tavarnelle il procuratore che ha portato i colpevoli delle stragi nazifasciste alla sbarra

    Incontro con i ragazzi delle scuole e con i cittadini, per raccontare il suo libro e la sua attività di vera e propria "caccia" a chi si è macchiato di crimini inenarrabili

    BARBERINO TAVARNELLE – Tra le iniziative promosse e organizzate dal Comune di Barberino Tavarnelle in occasione della consegna ufficiale della medaglia d’oro al merito civile per i fatti di Pratale emerge la presentazione del libro “Caccia ai nazisti Marzabotto, Sant’Anna e le stragi naziste in Italia: la storia del procuratore che ha portato i colpevoli alla sbarra” di Marco De Paolis, accompagnato dalla prefazione di Liliana Segre (Rizzoli, 2023).

    Il libro è stato presentato agli studenti e alle studentesse dell’Istituto Comprensivo “Don Milani” ieri, venerdì 12 aprile, presso l’Auditorium della scuola secondaria di primo grado.

    Lo stesso evento, aperto alla cittadinanza, è stato riproposto il pomeriggio negli spazi della rinnovata biblioteca comunale “Ernesto Balducci”, sempre a Tavarnelle.

    Marco De Paolis, procuratore generale militare presso la Corte militare d’appello di Roma, Giulio Bartolini, docente di Diritto Internazionale Università degli Studi di Roma Tre, nella pubblicazione racconta del colossale lavoro compiuto a difesa della memoria e della verità. 

    Una vera e propria “caccia” ai criminali di guerra durata quindici anni, una vicenda professionale e umana che ha reso giustizia alle vittime e ai loro familiari.

    In questo libro è lui a raccontare i quindici anni, tra il 2002 e il 2018, di indagini, interrogatori, sopralluoghi, esami dei testimoni, processi che hanno portato a oltre 500 procedimenti giudiziari contro i criminali di guerra nazisti e fascisti per gli eccidi di civili e militari. Marzabotto, Sant’Anna di Stazzema, Civitella in Val di Chiana, ma anche Kos e Leros, Cefalonia.

    Sono solo gli episodi più conosciuti tra quelli di cui De Paolis si è occupato, consapevole che “il dolore non va in prescrizione” e che la sete di verità dei sopravvissuti e dei parenti delle vittime era stata ignorata per troppo tempo.

    Una storia avvincente, una caccia ai colpevoli tra Italia, Germania e Austria per interrogare gli ex SS ancora in vita e stabilirne le responsabilità, portarli alla sbarra, farli condannare.

    E insieme un racconto intimo e privato di cosa ha significato immergersi in “un dolore così immenso”, come lo definirà uno dei sopravvissuti, il dolore di chi ha dovuto subire l’ulteriore ingiustizia “del mancato assolvimento da parte dello Stato del primario e doveroso compito di ricercare, processare e punire i responsabili di quella brutale violenza”.

    Marco De Paolis è procuratore generale militare presso la Corte militare d’Appello di Roma. Magistrato militare dal 1988, dal 2002 al 2008 è stato procuratore militare capo a  La Spezia, e dal 2010 al 2018 ha diretto la Procura Militare di Roma. 

    Tra il 2002 e il 2018 ha diretto le indagini su oltre 500 procedimenti per eccidi di civili e militari italiani commessi dopo l’8 settembre 1943, portando a giudizio 17 processi e ottenendo 57 condanne all’ergastolo per i responsabili delle più gravi stragi compiute in Italia e all’estero durante la Seconda guerra mondiale. 

    Docente di Diritto penale, Procedura penale e Diritto penale militare è considerato uno dei giuristi più esperti in materia di crimini di guerra nazifascisti.

    Tra i numerosi riconoscimenti internazionali ha ricevuto il Premio Michel Vanderborght dell’International Federation of Resistance Fighters e il Premio Speciale alla Carriera dell’International Association of Prosecutors.

    Nel 2021 ha ricevuto l’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...