spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Orti urbani a Tavarnelle: tra zucchine e pomodori nascono nuove forme di socialità

    La progettazione, curata dall'agricoltore Matteo Mancini, è stata elaborata in modo da rendere agevole l'accesso ai diversamente abili

    BARBERINO TAVARNELLE – L’erba del vicino è sempre più…a Km 0! Profumo di natura e senso di comunità, di cultura biologica che diventa cibo per la mente al sapore di inclusione.

    Nell’area di via Don Minzoni, a Tavarnelle, riqualificata e messa a disposizione dal Comune per la realizzazione di dieci orti urbani, già assegnati e affidati all’associazione Ci Incontriamo e altri otto cittadini, insieme agli ortaggi, crescono la voglia di inclusione e di conoscersi. I primi frutti sono già sotto gli occhi di tutti.

    Pomodori, cipolle, cavoli, piselli e mais, ma anche zucchine e peperoni. Ma non sono gli unici.

    A poche settimane dall’inaugurazione dei dieci appezzamenti affidati alla gestione dell’associazione Ci Incontriamo i dieci orti urbani del comune di Barberino Tavarnelle hanno preso vita.

    Ragazze e ragazzi con bisogni speciali interagiscono, dialogano e si divertono con i loro coetanei normodotati, padri e figli rafforzano i loro legami, giovani e anziani condividono esperienze rurali.

    Mentre gli uni sperimentano tecniche di coltivazione ispirate ai principi della permacultura, gli altri dispensano i segreti della tradizione e la cultura dei saperi di una volta.

    “Cittadine e cittadini di ogni età e provenienza sociale sono coinvolti in un flusso di emozioni che integra, include – dichiara il sindaco David Baroncelli – si lega in maniera indissolubile alla cura della terra e alla condivisione delle risorse che nascono spontanee dalle relazioni tra le persone”.

    “E’ così – rimarca – che oltre ai legumi e alle verdure biologiche, seminiamo e coltiviamo coesione e unità sociale per una comunità che sa di appartenere ogni giorno di più ad una radice comune in cui valorizzare le differenze rende migliori”.

    “Il progetto mira all’integrazione della disabilità nel territorio – spiega Marta degl’Innocenti dell’associazione Ci Ci Incontriamo – un’opportunità straordinaria di conoscenza e creazione di nuove amicizie che coltiveremo proponendo varie attività tra giochi, attività, laboratori ed esperienze agricole al fianco degli operatori e degli educatori dell’associazione e degli altri cittadini che condividono questo bellissimo spazio all’aperto, concesso dal Comune”.

    “Un luogo aperto e inclusivo – tiene a dire – dalla forte connotazione sociale, dove le passioni e gli obiettivi di tutti gli ortisti, disabili e normodotati, possono crescere insieme alla voglia di costruire relazioni umane e di incontrarsi”.

    La progettazione degli orti, curata dall’agricoltore Matteo Mancini, è stata elaborata in modo da rendere agevole e fruibile l’accesso e l’utilizzo degli spazi ai diversamente abili.

    Nei dieci appezzamenti quali spazi fertili di socialità le risate e la voglia di conoscersi sono come l’acqua e la luce: non possono mai mancare per rendere la fioritura abbondante e rigogliosa.

    Un ulteriore passo del progetto è quello di mettere a disposizione gli ortaggi coltivati negli orti urbani in occasione del mercato settimanale.

    Il ricavato della distribuzione su contributo libero andrà a favore dei progetti portati avanti dall’associazione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...