spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 4 dicembre a San Donato in Poggio in anteprima gli ultimi due lavori di Stefano Ballini

    Al Circolo La Filarmonica. Saranno presenti i protagonisti e le associazioni dei familiari delle vittime degli eccidi di Marzabotto e Sant'Anna di Stazzema

    SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – Sabato 4 dicembre, al Circolo La Filarmonica di San Donato in Poggio, alle ore 17.30, vengono proiettati in anteprima i due nuovi documentari-cortometraggi di Stefano Ballini.

    “La Novella Scritta Male” e “Fratelli Umberto-Amato e Bernardina Possenti”.

    Ballini è già autore di altri documentari (“Il Treno che bucò il fronte”, “La brezza degli Angeli”, “Monte Sole Landing Memories”…) che hanno cristallizzato la memoria della seconda guerra mondiale, con particolare attenzione agli eccidi nazifascisti.

    Saranno ospiti alcuni componenti delle associazioni dei familiari degli eccidi di Marzabotto e Sant’Anna di Stazzema.

    Ospiti anche tutti i protagonisti dei video “con cui potremo stare insieme e parlare a fine proiezione” sottolinea Ballini.

    Come Ferruccio Laffi, Amato Possenti e Marisa Pieri.

    Oltre all’autore ci saranno il sindaco di Barberino Tavarnelle David Baroncelli, il sindaco di Stazzema Maurizio Verona, il presidente di ANPI Marzabotto Alessandro Borghi e Filippo Ninci, presidente della Società Filarmonica.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...