spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano, Studiocapelli ha chiuso e adesso? Adesso arriva il Centro Tricologico Toscano…

    Un Metodo che ha dato grandi risultati fino ad adesso; e che promette di offrire ulteriori opportunità a chi vi si affiderà

    CHIANTI FIORENTINO – Studiocapelli ha chiuso e adesso? Si può pensare che “tanto i parrucchieri a San Casciano non mancano”.

    Ma Studiocapelli non era un…. parrucchiere standard.

    Oltre ai servizi tipici del parrucchiere, che Studiocapelli offriva, molte persone venivano da fuori, anche da molto lontano, per farsi trattare i propri capelli con un METODO ESCLUSIVO.

    Un Metodo messo a punto in oltre 40 anni da Stefano Bucci aiutandoli nei problemi di caduta dei capelli, nonché risolvendo o migliorando sensibilmente, tutte le tipologie di “forfore” (fino alle più difficili da trattare).

    E quindi: adesso a chi mi rivolgerò? Chi mi può aiutare per i miei capelli e per il mio cuoio capelluto?

    Niente paura.

    Nel video che qui potete seguire, ci sono le informazioni su come non “rimanere orfani” di un Metodo che vi ha dato grandi risultati fino ad adesso e che promette di offrire ulteriori opportunità a chi vi si affiderà.

    Noi del Gazzettino del Chianti, vi anticipiamo che in settembre ci sarà una importante novità nella nostra zona.

    Continuate a seguirci, nei prossimi video che usciranno nelle prossime settimane vi diremo:

    Dove aprirà il Centro Tricologico Toscano.

    Quando aprirà.

    E quali servizi vi può offrire.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...