spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Strage di Pratale, rievocazione dell’eccidio nel prato della Pieve di San Pietro in Bossolo

    Venerdì 23 luglio: una produzione Arca Azzurra Eventi con la partecipazione dei componenti dei comitati delle altre stragi nazifasciste della Toscana e dell'Emilia

    BARBERINO TAVARNELLE – Nel prato della Pieve di San Pietro in Bossolo, terrazza naturale sulle colline chiantigiane, prosegue nel segno della memoria il carnet della programmazione estiva “Le Notti d’Estate”, promossa e curata dal Comune di Barberino Tavarnelle. 

    Storia, memoria e paesaggio avvolgono uno dei luoghi di culto più antichi del Chianti. E’ qui, nell’area esterna della millenaria pieve di Tavarnelle, che fino al 30 luglio si alterneranno gli eventi di “Teatro d’Estate”.

    Il prossimo appuntamento, in programma venerdì 23 luglio alle ore 18.30 è “2021 Pratale 77|11 percorso di memoria”, realizzato in occasione dell’anniversario della strage nazista del 23 luglio 1944.

    Si tratta di un reading collettivo, su testo e coordinamento di Massimo Salvianti, con la partecipazione dei componenti dei comitati di altre stragi nazifasciste compiute in Toscana e in Emilia.

    L’iniziativa, produzione firmata da Arca Azzurra Eventi, è preceduta dalla celebrazione della Santa Messa alle ore 17.30 nella pieve di San Pietro in Bossolo. La commemorazione prenderà il via la mattina alle ore 9 con la deposizione della corona al Monumento ai caduti nell’area di Pratale, nei boschi fra Fabbrica e la Sambuca.

    “Barberino Tavarnelle si riscopre e si riconosce nell’identità di una memoria comune – dichiara il sindaco David Baroncelli – ci saranno i testimoni, i sopravvissuti, i cittadini di tutte le età, ragazzi, giovani, anziani della comunità di Barberino Tavarnelle, a ricordare il sangue che si è versato nella radura di Pratale, la notte del 23 luglio del 1944, poche ore prima della Liberazione dei territori del Chianti e della Valdelsa”.

    In occasione del 77mo anniversario dell’eccidio di Pratale, al dolore delle famiglie chiantigiane si unisce l’eco della memoria toscana. Sotto lo sguardo della torre campanaria della pieve millenaria di San Pietro in Bossolo il tempo si ferma ancora una volta con la lettura collettiva “Il sangue e l’erba” di Massimo Salvianti, allestita nel prato dell’antica Pieve.

    “La nostra è una comunità pronta a riconoscersi nel valore condiviso della memoria vivente – aggiunge l’assessore alla cultura Giacomo Trentanovi – e ad accogliere i testimoni di alcuni dei più importanti massacri italiani, legati al secondo conflitto mondiale”.

    “Tanti i cittadini, lettori e portavoci di memoria – fa sapere l’ideatore e curatore, l’attore e regista Massimo Salvianti – che racconteranno il massacro degli uomini di Pratale, giovani e anziani, fucilati a colpi di mitraglie nella campagna di Tavarnelle, dalle truppe tedesche, tra i lettori anche i rappresentanti dei comitati per la memoria delle Stragi di Castagno d’Andrea, San Pancrazio di Bucine, dell’Associazione Martiri Sant’Anna di Stazzema, e dell’Associazione Familiari Eccidio di Marzabotto e dell’eccidio di Padule di Fucecchio. Ricorderemo con la forza di un’intera comunità la memoria di oltre mille vittime, il sacrificio di civili, donne, uomini e bambini, strappati alla vita dall’odio razziale e dalla barbarie nazifascista”.

    L’evento sarà arricchito dalle musiche di Emiliano Benassai con Angela Tomei al violino e Carlo Alberto Aquilani alla chitarra. I disegni sono di Lorenzo Bojola.

    Il programma degli eventi teatrali alla pieve prosegue il 30 luglio (ore 21.15) con “Montemaggio partitura per parole e musica”. 

    Si tratta del racconto della strage della Porcareccia del 28 marzo 1944, narrato dall’attore Massimo Salvianti con la partecipazione dei cantori del Bruscello di San Donato in Poggio.

    In scena Martina BrombinLeonardo Piazzini e Cristina Rossi. Le musiche sono eseguite dal vivo da Emiliano Benassai alla fisarmonica e Angela Tempestini al violino. I disegni sono di Lorenzo Bojola. 

    Ingresso libero. Prenotazione consigliata: URP Comune di Barberino Tavarnelle, telefono 0558052324 – 245; urp@barberinotavarnelle.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...