spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incendio a Tavarnelle, le fiamme da un capanno: due anziani in ospedale, morti anche alcuni conigli

    Ricoverati in codice verde a Campostaggia marito e moglie, lei 80 anni, lui 91. Il fuoco, nelle immediate vicinanze delle abitazioni, aveva creato un po' di apprensione

    BARBERINO TAVARNELLE – Incendio a Tavarnelle, lungo via di Spicciano, innescatosi attorno alle 12-12.15 di oggi, martedì 13 settembre.

    Le fiamme si sono sviluppate da un capanno, una baracca di proprietà di una coppia di anziani.

    A farle partire, probabilmente, un corto circuito. La conferma anche dalle testimonianze di una donna, 80 anni, moglie del proprietario. Che una volta entrata avrebbe preso la scossa. Da qui il via all’incendio.

    La donna, insieme al marito, di 91 anni, è stata trasportata presso l’ospedale di Campostaggia, a Poggibonsi.

    Nessuno dei due è in gravi condizioni (ricoverati in codice verde) ma vista anche l’età si è preferito portarli presso il pronto soccorso poggibonsese.

    Sul posto due mezzi dei vigili del fuoco di Firenze, ai quali spetteranno le valutazioni di quanto avvenuto.

    A supporto, oltre ai sanitari, anche i carabinieri della Stazione di Barberino Tavarnelle e la polizia locale.

    Momenti di timore quando, in attesa dell’arrivo dei vigili del fuoco, le fiamme hanno iniziato ad estendersi.

    E una colonna di fitto fumo nero ha iniziato a stagliarsi nel cielo, visibile anche a km di distanza.

    Dovuta anche (la colonna) alla presenza di vari materiali all’interno del capanno, alcuni anche infiammabili, andati completamente distrutti.

    Così come distrutte sono andati dei ricoveri con alcuni conigli: per gli animali, purtroppo, non c’è stato niente da fare.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...