spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un bosco didattico nel giardino della scuola “De Amicis” di Tavarnelle. Realizzato da Unicoop Firenze

    Il progetto rientra nell'ambito delle proposte educative della cooperativa, che comprendono attività sulle tematiche ambiente, benessere, cultura e solidarietà

    BARBERINO TAVARNELLE – Al via ieri mattina, presso la scuola primaria “De Amicis” di Barberino Tavarnelle, la piantagione del bosco didattico che verrà realizzato da Unicoop Firenze nell’ambito delle proposte educative 2022/2023.

    Dedicate ad affrontare tematiche attuali ed urgenti come ambiente, solidarietà, cultura e benessere, le proposte educative Unicoop Firenze quest’anno hanno presentato interessanti novità progettate sul territorio, con le scuole e le sezioni soci Coop.

    Una di queste riguardava la creazione di un bosco didattico, nell’ottica di trasformare l’area verde intorno alla scuola in un laboratorio di biodiversità.

    Ieri mattina l’avvio del percorso che vedrà interagire i bambini della scuola con il bosco, con l’obiettivo di farli accompagnare nella crescita e nelle attività didattiche e ricreative da un nuovo “compagno di giochi”.

    All’iniziativa erano presenti i bambini e le insegnanti della scuola primaria, il sindaco David Baroncelli, l’assessore ai lavori pubblici Roberto Fontani, Renzo Ciani, presidente della sezione soci Coop di Tavarnelle. 

    Le dichiarazioni 

    David Baroncelli, sindaco di Barberino Tavarnelle 

    “Oltre a rappresentare un gesto concreto che consente la riduzione della CO2 in atmosfera e la condivisione di importanti tematiche legate alla biodiversità, alla sostenibilità ambientale e al cambiamento climatico, la creazione del Bosco didattico fa entrare in classe la cultura ambientale come esperienza outdoor che accompagna gli studenti nel loro percorso educativo orientato al rispetto verso la natura. Le nuove piantumazioni che adornano la scuola primaria di Tavarnelle offriranno l’occasione di scorgere negli alberi una prospettiva futura. Le piante cresceranno insieme agli studenti e al loro bisogno di prendersene cura favorendo un senso di tutela, un impegno collettivo alla valorizzazione del patrimonio ambientale in quanto bene comune. Siamo felici di sostenere l’iniziativa, inserita nel quadro delle politiche ambientali, delle azioni e dei tanti interventi che portiamo avanti da anni con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita del nostro territorio e sviluppare una consapevolezza nella comunità sull’importanza di agire in modo corretto e responsabile a favore dell’ambiente. Ringraziamo Unicoop Firenze, la dirigente scolastica Anna Maria Pia Misiti dell’Istituto comprensivo Don Lorenzo Milani e la sezione soci Coop per questa donazione ad una scuola del nostro Comune”. 

     

    Tommaso Perrulli, responsabile proposte educative Unicoop Firenze  

    “In questi giorni stiamo portando avanti la piantagione di alcuni boschi didattici per raccontare ai bambini cosa vuol dire veder crescere un bosco.  Il progetto dei boschi didattici mette al centro la valorizzazione degli spazi all’aperto, riscoperti durante il periodo della pandemia, attraverso un modello molto efficace di co-progettazione con le pubbliche amministrazioni e le scuole. In ogni bosco didattico mette radici una nuova comunità di alberi e, intorno a questi, una nuova comunità di persone: partecipare a questa esperienza significa mettere i semi di nuove relazioni, fra le piante, fra le persone e fra l’uomo e la natura, con l’auspicio che possano accompagnare i bambini anche nella loro vita da adulti”.  

    Renzo Ciani, presidente della sezione soci Coop di Tavarnelle

    “Siamo molto felici di partire con il progetto educativo del bosco didattico alla scuola De Amicis di Barberino Tavarnelle: insieme ai ragazzi e agli insegnanti abbiamo iniziato a piantare gli alberi che daranno vita alla zona verde che li accompagnerà nel loro percorso scolastico, è stata una mattinata in cui abbiamo visto l’entusiasmo negli occhi di alunne ed alunni, interessantissimi alle spiegazioni sugli alberi. L’obiettivo è che tutti in questo modo possano toccare con mano le tematiche ambientali, in un momento in cui la crisi climatica è la vera emergenza. Ringraziamo l’Istituto Comprensivo e il Comune con cui collaboriamo per portare sul territorio i temi dell’educazione ambientale”.  

    I numeri del Bosco Didattico 

    ·  32 boschi didattici realizzati e in fase di realizzazione (16 lo scorso anno, altri 16 nel 2022/2023) in 26 Comuni coinvolti   

    ·  mille piante forestali piantate    

    ·  circa mille mq di bosco piantato   

    ·  oltre 180 classi delle scuole primarie coinvolte per circa 4mila bambine e bambini   

    ·  dieci ore di proposta educativa/laboratorio che gli alunni di ogni classe hanno passato nella progettazione, piantumazione e cura del bosco didattico, 

    ·  per un totale di 200 ore di progetto a livello complessivo    

    ·  sette province toscane coinvolte, quelle in cui opera Unicoop Firenze  

    Descrizione proposta educativa – Il Bosco didattico   

    Scoprire il mondo della natura creando un boschetto nel giardino della scuola: un’esperienza di educazione all’aperto dove bambini e bambine possano sperimentare ritmi, tempi e segreti della natura, crescendo insieme e prendendosi cura l’uno dell’altro.

    Durante questo percorso ci sarà un coinvolgimento diretto in attività sensoriali, di ricerca, condivisione, scoperta e riflessione in piccolo gruppo. Questa esperienza è pensata per sviluppare affetto, cura e rispetto per la natura e per la comunità.

    Il progetto permetterà di: far acquisire consapevolezza delle trasformazioni stagionali e del concetto di tempo in natura; allenarsi alla cura delle nuove piante anche attraverso un’esperienza di cooperazione tra pari con un maggior ascolto e rispetto dell’altro e delle sue necessità; imparare ad ascoltare la lingua della Natura, a vedere le relazioni tra i diversi organismi e a prepararsi a costruire una conoscenza sistemica. 

    Scheda: come si compone il Bosco Didattico  

    Chiamato anche foresta giardino, il Bosco Didattico è una coltivazione multifunzione in cui trovano collocazione alberi di prima grandezza, piante da frutto, erbe medicinali, ortaggi e tanto altro, in sinergia con le piante spontanee e gli animali.

    Gli alberi da frutto sono al piano superiore, mentre al di sotto ci sono arbusti di bacche commestibili, piante perenni e annuali. Insieme creano relazioni per formare un ecosistema in grado di ottenere elevate produzioni di cibo con meno manutenzione. II modello è composto da un modulo di 25 mq di 5 m x 5 m, da localizzare in base alle presenze arboree e arbustive.  

    Le specie individuate per la piantagione del bosco comprendono il tiglio, che garantisce in autunno – inverno una pacciamatura naturale con le sue foglie che degradandosi apportano azoto al terreno e diversi arbusti da bacca senza spine negli anni permetteranno la creazione di passaggi, cunicoli, percorsi in cui i bambini si immergeranno letteralmente nella foresta, oltre ad altre piante come melograno, corbezzolo, nocciolo, sambuco, ma anche mirto, rosa canina, alloro, timo serpillo, santoreggia e ginepro.   

    Info http://cittadinanzaconsapevole.it/ 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua