spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 24 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un incidente all’anno: a Tavarnelle, si mette in sicurezza l’incrocio tra via Naldini e via della Rimembranza

    Il Comune sta completando la progettazione dell'opera pubblica con l'installazione di corpi luminosi e un attraversamento pedonale rialzato

    BARBERINO TAVARNELLE – Dal 2017 al 2022 sono quattro, uno all’anno, i sinistri registrati dalla Polizia locale dell’Unione del Chianti fiorentino sull’intersezione fra via Naldini e via della Rimembranza.

    La giunta comunale di Barberino Tavarnelle mette mano alla sicurezza stradale per rafforzarla nei punti più critici dei centri abitati del territorio comunale.

    Una delle aree urbane di Tavarnelle che si attesta tra le più pericolose e soggette al rischio di incidenti è l’incrocio tra via della Rimembranza e via Benedetto Naldini.

    L’amministrazione comunale realizzerà entro l’anno un intervento di messa in sicurezza attraverso l’installazione di corpi luminosi che evidenziano il tratto stradale e il posizionamento di un attraversamento pedonale rialzato. Al momento è in fase di completamento il progetto.

    “Ci siamo attivati e abbiamo avviato la predisposizione di un progetto ad hoc – dichiara il vicesindaco Roberto Fontani – nella cui elaborazione sono coinvolti la polizia municipale e i lavori pubblici, per far fronte alle annose problematiche che scaturiscono dall’intersezione tra via Naldini e via della Rimembranza”.

    “Voglio però ricordare – precisa Fontani – che la distrazione, l’utilizzo del cellulare alla guida, l’eccesso di velocità ed altri fattori, come l’abuso di alcool, sono fonte di rischio in qualunque sede stradale.

    “E continuo a far appello – tiene a dire – alla responsabilità e al buon senso degli automobilisti perché si metta in atto la massima prudenza alla guida”.

    “Partendo dal dato oggettivo – continua il vicesindaco – che l’incidentalità stradale è non “un” ma “il” tema che assilla il nostro Paese ed è una delle principali cause di morte”.

    “Ribadisco la necessità di avere maggiore cura nelle azioni quotidiane – rilancia Fontani – ed essere consapevoli di ciò che si sta facendo quando si è sulla strada; queste sono le basi della sicurezza stradale e della convivenza civile, promuovere una cultura della sicurezza stradale significa produrre cultura sociale”.

    “Se si hanno dei diritti – conclude – occorre assicurarsi che gli altri ce li concedano e si prevengano rischi riflettendo accuratamente sulle azioni da intraprendere nelle zone che si percorrono. Attenzione e prudenza devono essere sempre nostre compagne di viaggio”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...