spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un lutto a Longarone, la solidarietà e le condoglianze da Barberino Tavarnelle

    La scomparsa di Mariangela Collarin, moglie di Gioacchino Bratti, che insieme alla maestra Anna Cetica gettò il "ponte" fra la comunità chiantigiana e il Vajont devastato dalla frana

    BARBERINO TAVARNELLE – “L’amministrazione comunale di Barberino Tavarnelle esprime le più sentite condoglianze all’amico di Longarone, Gioacchino Bratti per la prematura scomparsa della moglie Mariangela Collarin che si è spenta nei giorni scorsi a 80 anni”.

    L’amicizia di Barberino Tavarnelle con il comune della provincia di Belluno, rinsaldato ulteriormente negli ultimi anni, porta oggi a sentire anche in Chianti un lutto che giunge dalle porte del Vajont.

    “Ci stringiamo intorno alla famiglia con un abbraccio commosso teso in particolare all’amico Gioacchino – dichiara il sindaco David Baroncelli – il cittadino di Longarone, che sentiamo anche un po’ nostro, come tutto il gruppo di amici veneti sopravvissuti alla tragedia del Vajont, che con la nostra comunità ha condiviso un percorso storico ed un’esperienza di altissimo valore umano contribuendo alla creazione di un’amicizia inossidabile”.

    “Insieme alla maestra di Tavarnelle Anna Cetica – ricorda il sindaco – Gioacchino, nel ruolo di maestro di Longarone, è stato uno dei promotori del viaggio solidale che dopo pochi mesi dalla tragedia, nel 1964, permise alle bambine e ai bambini della scuola elementare del Morrocco, autorizzati dall’allora direttrice d’Istituto Lea Verdi, di raggiungere Longarone e i luoghi del disastro, ad esprimere solidarietà ai coetanei”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...