spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 17 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vico, il Comune di Barberino Tavarnelle acquista i locali dell’ex Bird: operazione da 135mila euro

    Il sindaco: "Crediamo che il paese abbia bisogno di un nuovo punto di ritrovo per i giovani e la comunità che possa infondere linfa vitale alla socialità della frazione"

    VICO D’ELSA (BARBERINO TAVARNELLE) – Il Comune di Barberino Tavarnelle ha provveduto ad acquisire il locale ex Bird, situato nel centro storico di Vico d’Elsa con l’obiettivo di mettere l’edificio a disposizione della comunità. Costo dell’operazione, 135mila euro (più le tasse).

    Un’operazione, passata al varo del consiglio comunale, per la quale l’amministrazione comunale intende “rilanciare lo spazio di aggregazione sociale, precedentemente occupato da attività culturali, di intrattenimento e ristorazione, legate a circoli e pub”.

    “Crediamo che Vico d’Elsa abbia bisogno di un nuovo punto di ritrovo per i giovani e la comunità che possa infondere linfa vitale alla socialità della frazione – spiega il sindaco David Baroncelli – abbiamo avuto l’opportunità di acquisire l’immobile a condizioni particolarmente vantaggiose arricchendo il valore patrimoniale pubblico”.

    “Come già delineato nel programma di mandato condiviso con la popolazione – prosegue il sindaco – valorizzeremo questo luogo investendo sulle importanti potenzialità interne ed esterne dell’edificio”.

    “La nostra idea – aggiunge – è quella di creare un centro civico polifunzionale, destinato ad ospitare funzioni istituzionali sociali e valorizzare il centro abitato in collaborazione con le associazioni di Vico d’Elsa e la comunità”.

    “Una scommessa locale – conclude Baroncelli – che vuole rivitalizzare il tessuto locale creando spazi, opportunità e un lavoro di comunità, un ambiente aperto alla collettività, con una piazza che possa essere messa in collegamento con quella della chiesa di Vico d’Elsa e rafforzi il legame con il territorio”.

    Ben diversa l’opinione del gruppo di opposizione Progetto Futuro, espressa dalla consigliera comunale Isabella Mugnaini.

    Isabella Mugnaini, consigliera comunale di Progetto Futuro

    Un acquisto, dice Mugnaini, avvenuto “senza il minimo coinvolgimento della cittadinanza che avrebbe potuto esprimere, se consultata, la propria opinione”.

    “Il Comune infatti – prosegue – spende tutti questi soldi, per avere una sede civica di cui il paese non sembra avere bisogno disponendo già dei locali del circolo Mcl, che sono aperti a tutti”.

    Annunciando il voto contrario di Progetto Futuro, Mugnaini conclude dicendo che “i soldi dei cittadini devono essere spesi con oculatezza, per finanziare interventi necessari, utili a migliorare la qualità di vita degli abitanti. Parcheggi, interramento dei fili elettrici, negozio di alimentari… queste le priorità segnalate dai vichesi fin dai tempi di Barberino fa cento”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...