giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    Wikipedro narra Badia a Passignano, ironia e cultura social alla riscoperta del Chianti

    Il viaggio social del fiorentino che ha stregato la rete fa tappa a Badia a Passignano per la valorizzazione e la promozione di un territorio unico al mondo

    BADIA A PASSIGNANO (BARBERINO TAVARNELLE) –  “E se vuoi farla innamorare di te, se la vuoi conquistare con l’occhio languido e il “pippone” storico-culturale portala a Badia a Passignano, un vero gioiello del Chianti, il calice di vino migliore che tu possa degustare”.

    Pietro Resta in arte Wikipedro, il giovane fiorentino, appassionato di arte, paesaggio e tesori della Toscana che sa magistralmente raccontare attraverso il web e i diari social, per il momento ci è venuto da solo (o meglio al fianco del collaboratore media).

    A fare cosa? La guida turistica 2.0? Il fidanzato in cerca di una location ad alto impatto emozionale?

    Forse entrambi o semplicemente ad alimentare la propria fame di conoscenza visitando uno dei luoghi emblema del Chianti: il complesso monastico che fu fondato intorno all’anno Mille da San Giovanni Gualberto, nel comune di Barberino Tavarnelle, tra Firenze e Siena.

    Munito dei necessari strumenti del mestiere, fotocamera e webcam, Wikipedro è stato il primo a rimanerci secco alla vista dell’abbazia (non a secco, considerata la prestigiosa area vitivinicola del Chianti Classico che la circonda), ad essere colpito al cuore dalla bellezza, imponente e maestosa, del monastero che ricorda un castello, con le torri merlate, e che si erge tra i dolci fianchi, costellati di vigneti e ulivi, sulla strada che porta al millenario borgo di Passignano.

    Badia a Passignano, un vero gioiello del chianti !

    #AroundTuscanyBADIA A PASSIGNANO, UN VERO GIOIELLO DEL NOSTRO CHIANTI ❤️ #wikipedro #tuscany #toscana #chianti #chianticlassico #arte #rinascimento #estateintoscanaDrone🚁 Giacomo Biancalani

    Pubblicato da WikiPedro su Venerdì 31 luglio 2020

    E’ stato decisamente amore a prima vista. Il chiostro, il giardino, gli interni del refettorio decorati da Domenico Ghirlandaio, autore dell’affresco L’Ultima Cena, il legame “scientifico” con Galileo Galilei che a Badia a Passignano insegnò matematica ai seminaristi, la torre campanaria con panorami mozzafiato.

    Wikipedro è stato contattato dall’ufficio stampa dei Comuni del Chianti fiorentino (Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti e San Casciano) per un tour speciale alla ri-scoperta  smart di alcuni dei luoghi più incantevoli del Chianti, gli stessi che la voce social conosce bene per la vicinanza con il suo territorio di provenienza.

    E lui, aperto e vitale, ha accolto la proposta decidendo di ripercorrere, narrare e promuovere il Chianti con la dinamicità delle immagini e la forza delle emozioni che solo le tracce e le testimonianze del passato possono trasmettere al pubblico internauta.

    Quelle pagine di un territorio ricco di storia, forse meno note e fruite dai circuiti tradizionali, ma di impareggiabile prestigio e fascino. 

    “Siamo felici e ringraziamo Wikipedro per aver dedicato una tappa del suo viaggio digitale ad uno dei luoghi emblema del nostro patrimonio culturale – dichiarano i sindaci di Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti e San Casciano – il Chianti che non ti aspetti e che invece ti sorprende, colorato al punto giusto dall’ironia di Wikipedro, è una bella occasione di valorizzazione e conoscenza”.

    Wikipedro a Badia a Passignano

    “Il territorio – rimarcano – è il tema su cui puntiamo per rilanciare le tante opportunità del Chianti e delle sue comunità in cui l’identità, rispettata, approfondita e condivisa, crea opportunità per il futuro”.

    “Invitiamo Wikipedro – concludono – a continuare il suo percorso a caccia di bellezze nel Chianti, per innamorarsi ancora… e notare tutti quei particolari che rendono le nostre colline uniche al mondo”.

    Un ringraziamento particolare è esteso ai monaci e a don Jinsho Kuriakose, superiore di Badia a Passignano.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino