lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    “Castelnuovo B.ga, chi sporcava si trattenga”: guida pratica per la corretta raccolta dei rifiuti

    La guida sarà presentata oggi, giovedì 10 settembre, a San Gusmè e distribuita nelle prossime settimane alla cittadinanza castelnovina

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Si intitola “Castelnuovo Berardenga, chi sporcava si trattenga” la guida realizzata dal Comune castelnovino con il contributo di Sei Toscana per far conoscere da vicino il sistema dei rifiuti sul territorio comunale e promuovere una raccolta differenziata crescente, sia nella qualità che nella quantità.

    La guida, realizzata per la prima volta in provincia di Siena, sarà presentata nel corso del convegno “Economia e crescita produttiva in armonia con la natura” in programma oggi, giovedì 10 settembre a San Gusmè in occasione della Festa del Luca e sarà distribuita entro le prossime settimane a cittadini ed esercizi commerciali.

    La guida “Castelnuovo Berardenga, chi sporcava si trattenga” riprende una campagna ambientale promossa sul territorio castelnovino negli anni Ottanta e presenta, in 32 pagine, il progetto di riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti promosso negli ultimi anni puntando sulle 4 R – ridurre, riutilizzare, riciclare e recuperare – e sulla raccolta differenziata nel rispetto delle normative vigenti.

    Attraverso l’opuscolo, è possibile conoscere da vicino le modalità di conferimento rifiuti; come utilizzare correttamente la 6Card, i cassonetti ad accesso controllato e gli ecocompattatori; come accedere e quali rifiuti conferire ai Centri di Raccolta di Pianella e Cornia.

    Come effettuare un corretto compostaggio domestico e come smaltire i rifiuti ingombranti, i Raee (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) e altri rifiuti particolari che potrebbero danneggiare l’ambiente e la sua tutela.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino