spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Inaugurate tre panchine rosse contro la violenza sulle donne a Castelnuovo

    “Abbiamo deciso di inaugurare le panchine rosse coinvolgendo le scuole - dice Martina Borgogni - perché il cambiamento deve partire dalle nuove generazioni, padri, i fratelli e i mariti di domani"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne che ricorre oggi, giovedì 25 novembre, il Comune di Castelnuovo Berardenga ha inaugurato questa mattina tre panchine rosse vicino all’ingresso del paese per rappresentare simbolicamente uno spazio dedicato alle donne vittime di violenza.

    L’iniziativa ha visto la presenza del sindaco, Fabrizio Nepi, e delle assessore Martina Borgogni e Annalisa Giovani, che hanno, poi, incontrato gli alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado “G. Papini” per un momento di riflessione sul tema e sull’uguaglianza di genere senza alcuna discriminazione.

    La stessa sera del 25 novembre, inoltre, il teatro comunale “Vittorio Alfieri” si è illuminato di arancio come segno di adesione alla campagna “Orange the world” promossa da UN Women, ente delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere.

    “Abbiamo deciso di inaugurare le panchine rosse coinvolgendo anche le scuole in questa giornata – afferma Martina Borgogni, assessora alle pari opportunità di Castelnuovo Berardenga – perché il grande cambiamento deve partire anche dalle nuove generazioni, che sono i padri, i fratelli e i mariti di domani”.

    “Il nostro auspicio – conclude – è che queste panchine possano essere un promemoria per concretizzare azioni da parte di tutti, ricordando che la violenza sulle donne non è più accettabile”.

    Il sindaco Fabrizio Nepi

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...